#Economia

L'impatto sull'economia

Le azioni strategiche contenute negli 11 indirizzi programmatici aggregate trasversalmente per l’impatto, l’interesse o la valenza che hanno sul tema economiaUna lettura che completa la visione di governo della città, insieme a quella degli indirizzi programmatici.

Sono numerosi gli interventi a valenza economica – contenuti negli indirizzi – che riguardano le imprese, l’artigianato, il turismo, il commercio, i giovani, la semplificazione, la fiscalità, il marketing territoriale, la cultura, l’innovazione, i regolamenti e i protocolli siglati. Nell’ottica di costruire un ecosistema favorevole all’attrazione, alla nascita e alla crescita delle attività economiche, per uno sviluppo sostenibile del territorio

Revisione del Regolamento Comunale di Accreditamento e Autorizzazione (nidi privati) Si è optato per la revisione delle linee guida che si è conclusa nel 2016. Esse sono in corso di utilizzazione nel 2017 da parte dei gestori di strutture educative autorizzate e/o accreditate, sia in sede di rinnovo dei relativi atti che di nuova autorizzazione/accreditamento.
Realizzazione del Festival dei Bambini Il Festival dei Bambini è un evento di grande successo e partecipazione che è entrato a pieno regime negli impegni dell’Amministrazione. La prima edizione si è svolta nel 2014. Nel 2017 la quarta edizione che ha visto una rassegna di 120 eventi e oltre 25.000 presenze tra bambini e famiglie.
Sviluppo della coscienza civile nei bambini in età scolare attraverso i progetti e percorsi formativi delle Chiavi della Città «Le Chiavi della Città» sono un pacchetto di iniziative e progetti formativi che l’assessorato all’educazione offre ai ragazzi delle scuole dell’infanzia, delle primarie e delle secondarie di primo grado. Si articolano in centinaia di proposte (400 proposte nel 2016, 448 nel 2017) divise per aree tematiche.Tra le tematiche quella della educazione alla legalità e al rispetto delle regole intese come base della convivenza civile. L’apprezzamento del corpo docente è molto elevato ( in media superiore al 4, in scala da 1 a 5). E’ stato realizzato inoltre un sito innovativo e di facile utilizzazione. Le domande sono presentate on line.
Censire spazi disponibili allo svolgimento di attività di aggregazione giovanile, promuovendo il coworking come modello gestionale di progettazione non solo di eventi e di attività ma anche come nuovo modello di valorizzazione di spazi urbani, investendo sul loro “riuso” sociale. Il coworking è una dimensione dell’imprenditoria giovanile affermata a livello europeo. Nel corso del mandato sono state sostenute le imprese innovative, giovanili e di coworking attraverso l’attivazione di partnership pubblico-private e con l’apertura nel 2015 di uno spazio di coworking nella palazzina ex Fila, nel Q2 dove è attivo un Centro Giovani. L’azione si è sviluppata inoltre attraverso progetti europei come Speed Up che ha preso avvio nel 2016. Nel 2017 il Comune ha collaborato al progetto della Scuola scienze aziendali e Tecnologie Industriali (SSATI) per la realizzazione di un polo formativo, centro servizi polifunzionale, incubatore e coworking presso gli spazi delle Murate.
Promuovere e sostenere il fondo di sostegno progetti per il prestito d’onore per le giovani associazioni, fondo già previsto dall’Amministrazione Comunale, riportandolo al centro delle politiche sui giovani Nel tempo è stato promosso e sostenuto il progetto “Finanziamenti alle giovani opportunità (D-NONE)” in collaborazione con l’Associazione amici di Essere, mettendo a disposizione un fondo rotativo di euro 40.000,00 a circoli ed associazioni culturali giovanili e a soggetti no profit che operano nel campo della cultura, dell’arte e dello spettacolo, della formazione, dell’ambiente e del sociale, con o per i giovani, sotto forma di prestito d’onore. Lo scopo è aiutare concretamente il mondo dei giovani a diventare soggetto indipendente e qualificato e facilitare, per i giovani che si vogliono impegnare nelle diverse forme associative, l’accesso a bandi di finanziamento supportando la progettazione e la realizzazione dei progetti. Tale fondo ha ancora oggi risorse attive e disponibili che occorre riattivare.
Promuovere percorsi di coprogettazione e di sussidiarietà, concretizzando una politica di sostegno e incidendo con azioni amministrative tese alla valorizzazione della capacità progettuale e creativa delle Associazioni giovanili, estendendo anche alle politiche giovanili il modello di gestione dell’Estate Fiorentina, che si sostanzia in una coprogettazione con gli operatori del terzo settore e del no profit L’Ufficio Giovani e Pari Opportunità, attraverso momenti di coprogettazione, condivisione e sussidarietà ha iniziato un percorso legato alla Street Art, sia per quanto attiene agli Spazi Liberi e Spazi d’Arte, approvati con Delibera di Giunta 412/2017. Un’ altra azione amministrativa, tesa alla valorizzazione delle capacità progettuali e creative delle Associazioni Giovanili, è costituita dal Festival sperimentale per la creazione di immaginari condivisi “icche ci vah ci vole!” che, su quattro giorni di eventi ha registrato fra i 15.000 e i 20.000 fruitori, con la messa a disposizione di 26 organizzatori, 36 volontari, 32 musicisti e gruppi musicali, 21 performer, 30 artisti di live painting, 37 espositori di opere artistiche, di grafica e di artigianato, 6 laboratori e 12 sponsor tecnici. Con gli operatori del terzo settore e le associazioni culturali è stato progettato e realizzato il Festival dei Diritti, incentrato sulla tematica del contrasto alla violenza sulle donne, del contrasto alle discriminazioni verso le persone LGBT e sulla promozione di una cultura del diritto e del rispetto.
Sostenere l’imprenditorialità giovanile e le associazioni giovanili anche attraverso il potenziamento della sezione Università del Portale Giovani condividendo link e spazi web con l’Università degli Studi di Firenze,l’Istituto Universitario Europeo e le maggiori Università straniere presenti sul territorio Questa azione si articola attraverso l’aggiornamento continuo delle sezioni dedicate all’università presenti sul Portalegiovani e la presenza dell’informagiovani a tutte le manifestazioni che promuovono la formazione, l’autoimpreditorialità giovanile e l’aggregazione giovanile.
Informagiovani promuove incontri e eventi, anche in collaborazione con associazioni di studenti universitari, che con le loro attività coinvolgono anche le università straniere presenti a Firenze.
“ IG Mobile Scuole” è il servizio di orientamento dell’Informagiovani del Comune di Firenze, che si rivolge agli studenti delle scuole superiori su tematiche di loro interesse.
Lo” Sportello Giovani Associazioni “, aperto presso il servizio Informagiovani orienta i giovani sulle modalità per realizzare una associazione; individua gli obiettivi e fornisce indicazioni utili, aiuta i giovani a trasformare l’idea in progetto di fattibilità
Promozione e perfezionamento dello sportello di consulenza per le giovani associazioni, attivo presso l’Informagiovani. Sono state implementate le attività dello sportello dedicato alle giovani associazioni anche con il supporto di consulenti esterni al servizio. Migliorata la struttura dei temi del Portale Giovani. È stato inserito l’argomento “occasioni” e “lavoro”direttamente in home page. Si tratta di uno strumento di supporto agli utenti utile per l’orientamento delle loro scelte.

Tenere vive le strade : sviluppare le Reti di associazioni delle attività commerciali e di somministrazione per coniugare le esigenze di tenere vive le strade con la lotta alle situazioni di degrado e di abbandono degli spazi pubblici; il primo antidoto all’insicurezza è ricreare un tessuto sociale che veda i residenti soggetti attivi. Con lo scopo di valorizzare alcune zone della città sono stati approvati con atti del 2016 e 2017 degli accordi di collaborazione con Associazioni-Accademie per sviluppare dei progetti di “Cantieri Creativi” mirati all’espressione artistica di street artistis sugli spazi di cantiere.
Con la collaborazione dell’Associazione Via Maggio sono stati realizzati nel maggio 2016 due murales sulle pareti dei fabbricati laterali prospicenti l’ingresso alla tribuna del campo di calcio La Laurenziana aventi come obbiettivo la comunicazione del valore etico ed educativo dello sport .
Un recente murales (nov.2017) è stato realizzato da un’artista afgana sulla facciata dell’Istituto tecnico superiore L.Da Vinci: l’opera pone l’attenzione sulla violazione dei diritti umani delle donne in Afganistan, lanciando però sempre un messaggio di speranza, in questo caso rappresentato dalla musica.
E’ stato inaugurato nel giugno 2016 il murales realizzato da un artista presso la scuola Anna Frank coinvolgendo gli alunni del plesso.
Costruire tavoli di lavoro con associazioni di categoria, rappresentanti CDO, rappresentanti associazioni, residenti, Prefettura, Questura, al fine di definire un protocollo di impegni e di regole certe possa dar vita a comportamenti e attività dirette a mantenere e/o dar vita a spazi pubblici e ad attività imprenditoriali commerciali, culturali, di somministrazione armonizzate con le esigenze dei residenti Vari tavoli di lavoro che hanno visto la partecipazione delle principali istituzioni e stakeholders coinvolti nella conservazione e valorizzazione del patrimonio UNESCO e il percorso partecipativo nell’ambito delle Maratone dell’Ascolto hanno portato alla approvazione del regolamento Unesco nel 2016 e alla sua modifica nel 2017. Confronto permanente con le categorie imprenditoriali. Attivazione di tavoli di ascolto e confronto con associazioni di categorie e residenti sui possibili ulteriori sviluppi della norma di tutela del Centro storico Unesco, grazie al progetto Pure Cosmos.

Intercettare finanziamenti europei, rinforzare i rapporti con unifi e partner strategici per la progettazione E’ stata rinnovata la collaborazione annuale con l’Università di Firenze che ci ha permesso di esplorare e finalizzare alcune candidature (alcune di queste ancora in valutazione) e sono stati rafforzati momenti di scambi e confronti per future collaborazioni e opportunità a livello europeo tesi a valorizzare l’accesso ai finanziamenti ed il rank della città in Europa grazie sia alla partecipazione attiva ai forum ed eventi specialistici organizzati dalla rete di Eurocities (come il Summit dei Sindaci a Bruxelles) sia alla rete delle città faro in Europa creata dalla Commissione Europea di cui Firenze fa parte grazie al progetto europe REPLICATE (REnaissance of PLaces with Innovative CitizenshipAnd TEchnoloy). Il ruolo assunto con il PON Città Metropolitane ed il riconoscimento di organismo intermedio/autorità urbana ci ha permesso inoltre di iniziare ad esplorare e verificare un potenziale rinnovato ruolo diretto delle città nell’accesso ai finanziamenti.
Promuovere progetti di sviluppo territoriale basati su partnership strategiche “The third millenium urban workshop”. Spazi abbandonati recuperati con nuove attività riportando l’artigianato nel cuore di Firenze E’ stato presentato nel corso del 2014 il progetto internazionale”The third Millennium urban Workshop” in risposta alla Mayors Challenge promossa dalla fondazione Bloomberg, finalizzato alla promozione economica e alla riqualificazione del tessuto urbano, attraverso la creazione di un modello di sviluppo economcio che riporti l’attività artigianale nel cuore di Firenze.Il progetto è stato selezionato tra i 20 migliori progetti presentati.
Progetti di incubazione e accelerazione di imprese innovative: sostegno all’imprenditoria in particolare riguardo a quella giovanile, con interventi di tipo economico, di formazione, di concessione di spazi in incubatori a canone agevolato E’ stata avviata la collaborazione al progetto della SSATI ( Scuola scienze aziendfali e tecnologie industriali) per la realizzazione di un polo formativo, centro servizi polifunzionale, incubatore e coworking presso gli spazi delle Murate.
Si è rinnovata con il nuovo progetto europeo“Murate Idea Park” quell’idea dell’incubatore d’impresa già sperimentato in anni recenti nel quartiere 5. Il progetto, con la collaborazione di più soggetti pubblici e privati, porta alle Murate “Un personal trainer” per 18 mesi dedicato alle idee e alle nuove imprese innovative che si affacciano sul mercato.Dal progetto europeo nasce l’idea di un tavolo che produce un accordo e, soprattutto, collaborazioni sinergiche, tra cui appunto “Murate Idea Park” che mette allo stesso tavolo le giovani imprese insieme al Comune, all’Università e tutte quelle associazioni che si occupano di innovazione in città.
Nel corso dle 2017 sostenuto dal Comune è stato firmato un protocollo di intesa tra SSATI e Artex, Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana al quale il Comune ha messo a disposizione gli spazi del Vecchio Conventinodi via Giano della Bella , per supportare la crescita di una nuova generazione di imprenditori, manager e professionisti che, con i propri progetti, le proprie imprese, le proprie capacità, possano contribuire a innovaree valorizzare il tessuto artigianale del territorio, con un’attenzione particolare al settore manifatturiero.
Sviluppare il marketing territoriale: individuazione dei potenziali investitori e sostegno all’imprenditore interessato a finalizzare l’investimento Grazie alla attività del gruppo di lavoro interdipartimentale, sono stati avviati i processi di raccolta dati e formazione dataset a livello territoriale di comune e città metropolitana al fine di presentare Firenze in modo sistemico ed aggiornato, basandosi su analisi dati economici e di sviluppo, al fine di rendere la città tecnicamente attrattiva. E’ in corso di predisposizione un nuovo bando per manifestazione di interesse al fine di integrare/ampliare il portfolio del progetto Invest in Florence/Investire a Firenze e quindi a facilitare la veicolazione delle disponibilità ed opportunità a livello territoriale sia pubbliche che private assumendo quindi anche il ruolo di facilitatore. L’attività di sviluppo di marketing territoriale è stata inoltre caratterizzata sia dal consolidamento della partecipazione a fiere di settore (come il Mipim di Cannes) sia dalla sinergia creata oltre che con il protocollo con la Regione Toscana anche grazie al board di internazionalizzazione, che ha permesso di ampliare la rete delle opportunità e la condivisione delle informazioni secondo il principio di sussidiarietà che permette il raggiungimento di un sempre più ampio e diffuso bacino di potenziali investitori.
Sviluppare percorsi partecipativi che coinvolgano cittadini ed associazioni interessate, riprendendo i temi dei “100 luoghi” e non solo, finalizzati a definire gli obiettivi della realizzazione degli interventi sul territorio e della progettazione Dal 2015 sono state organizzate le Maratone dell’Ascolto, migliorandone via via il successo in termini di partecipazione e sviluppando strumenti per l’efficace e continuativo monitoraggio dei feedback delle Maratone stesse.
Si ricorda per il 2016: “Le Cascine di Firenze: la città nel parco” del 27 febbraio, “I Ciompi. Tra piazza e mercato” del 24 maggio, “Cultura -Organizzare, promuovere e produrre: sfide e opportunità per il sistema culturale fiorentino” del 22 ottobre.
Si è dato, inoltre, avvio ad una attività di monitoraggio periodico delle azioni poste in essere dall’Amministrazione sui temi affrontati nelle Maratone dell’Ascolto, costituendo in tal senso una prima positiva esperienza la rendicontazione effettuata sui risultati ottenuti a seguito della Maratona sul tema “Firenze patrimonio Unesco – Per il piano di gestione di Firenze patrimonio mondiale”, svoltasi nel 2015.
Mettere a disposizione della città metropolitana la propria competenza in aree chiave quali:
– Acquisizione e gestione di progetti finanziati dalla Comunità Europea;
– Il Piano Operativo Nazionale Città Metropolitana;
– I progetti di sviluppo territoriale basati su partnership strategiche con Università e imprese;
– Le strategie di marketing territoriale;
– I progetti di incubazione e accelerazione di imprese innovative;
– Le partnership evolute pubblico private imperniate sullo sviluppo dei territori;
– I progetti di semplificazione amministrativa;
– La gestione di un tavolo permanente con grandi imprese e investitori interessati all’area metropolitana
Nel rapporto tra il Comune capoluogo e la Città metropolitana si è cercato di mettere a “riuso” le attività in corso nel Comune che ha un’esperienza più significativa in termini temporali e di raggiungere l’ obiettivo in un’ottica “a scalare” che confema come i veri risultati possano passare anche attraverso la loro replicabilità. In questo senso possono essere viste alcune azioni intraprese come:
– la possibilità di condividere progetti europei in termini di ricaduta e partecipazione (e a tal fine sono state condivise alcune iniziative di presentazione come quella relativa alla rete eurocities);
– la condivisione di programmi come il PON Metro tramite momenti di incontro tecnico con i Comuni metropolitani e la città metropolitana stessa ed una prima analisi di “ufficio comune” per la migliore gestione delle ricadute del piano stesso;
– strategie di posizionamento e marketing territoriale anche a seguito della sottoscrizione con la Regione Toscana di un protocollo di intesa volto a consolidare i rapporti ed ad agire sinergicamente;
– la partecipazione, assieme ai grandi attori economici territoriali, al board internazionale allo scopo di far convergere in un piano condiviso
le risorse messe in campo da ogni partner stimolando la sinergia e utilizzando un format replicabile con cui Firenze si presenta al mondo.
Piano Strategico Città Metropolitana Il 5 aprile 2017 il Consiglio Metropolitano ha approvato il Piano Strategico della Città Metropolitana di Firenze. Per la sua realizzazione è stato costituito un Comitato Promotore al quale hanno partecipato Università, Camera di Commercio ed Ente Cassa di Risparmio di Firenze insieme alla Città Metropolitana. Il lavoro è stato guidato da un percorso partecipativo di ampio respiro che si è affiancato al Comitato Scientifico.

Sostegno alla Nuova Scuola di Governance dell’Università Europea E stata definita la sede della nuova scuola in palazzo Buontalenti di via Cavour a seguito dei contatti con il Governo Italiano e la Commissione Europea.
Cooperazione a realizzazione del Campus della Tongji University di Shanghai, cuore di un network globale di Università I rapporti con con la Tongji University di Shangha hanno portato all’ apertura dell”overseas campus a Firenze
Sviluppo multipolare del Sino Italian Design Center a Firenze e Shanghai. Le istituzioni della formazione italiane (es. Isia) ed il nostro Ateneo saranno messe in relazione con i centri internazionali. Non potrà mancare un’istituzione internazionalmente riconosciuta per la formazione in ambito turistico Con la precedente Amministrazione il Comune di Firenze e la Municipalità di Shanghai, con il supporto di Toscana Promozione, hanno firmato, nel 2012, un accordo per favorire gli scambi istituzionali ed imprenditoriali tra le due città sul temi del design, dell’architettura, della moda e della creatività. L’accordo ha portato alla nascita dello Shanghai Florence Sino Italian Design Exchange Centre, sede operativa c/o Palazzo Strozzi, inaugurata a marzo 2014,in affitto alla municipalità cinese) capace di ospitare eventi, uffici di rappresentanza per aziende e facilitare la promozione dei progetti tra le due città ( vedi anche azione 4.12).
Promozione dell’alta formazione turistica Nell’ambito della promozione della formazione turistica, l’Amministrazione ha avviato un dialogo con le principali scuole superiori fiorentine che operano nel settore turistico, offrendo fra l’altro occasioni di alternanza scuola lavoro per gli studenti di dette scuole, sviluppando progetti di accoglienza ed informazione turistica.
Dopo una prima ricognizione, è intenzione dell’Amministrazione proporre un tavolo di lavoro e confronto fra i rappresentanti della categorie del turismo, alcuni stakeholders e il sistema formativo fiorentino, composto sia dalle scuole superiori che dall’Università di Firenze, promuovendo azioni di valorizzazione e sviluppo.
Progetti per il turismo congressuale: ricerca e formalizzazione di un accordo fra istituzioni pubbliche
(CCIAA, Comune, Regione e, in prospettiva, Città Metropolitana) per l’individuazione di linee di sviluppo,partner pubblici e privati e modalità di azione.
L’Amministrazione si sta impegnando ad attrarre i grandi congressi internazionali, i grandi eventi aziendali e quelli del settore Mice (Meeting, Incentives, Convention, Exhibitions) con l’obiettivo di allungare sempre di più la permanenza dei turisti in città, puntando sul turismo di qualità e contribuendo allo sviluppo economico da esso indotto. Tra questi nell’aprile 2017 l’evento che si è svolto al piazzale Michelangelo “Rassegna Piazzale SoundSet” . Il settore congressuale potrà avere una svolta fondamentale nel momento in cui saranno completati i lavori alla Fortezza da Basso, programmati grazie all’impegno dell’amministrazione e degli altri soci di Firenze Fiera.
Collaborazione e sostegno al Convention Bureau per promuovere turismo congressuale Attivato il progetto con Firenze Convention Bureau di promozione turistica della destinazione Firenze in tutti i diversi settori di sviluppo (settore MICE, Wedding, Leisure). Grazie al rapporto esclusivo che il Comune di Firenze ha stretto con il Convention Bureau lanceremo la prima piattaforma di informazione, promozione e vendita online dei servizi turistici della città, allargata anche alla città metropolitana
Gennaio 2017: nasce www.destinationflorence.com, il primo portale per la promozione del turismo di qualità a Firenze e la commercializzazione on line. Il progetto, unico in Italia, è realizzato dal Firenze Convention Bureau che si è aggiudicato il bando pubblicato dal Comune nel 2015. Obiettivo: aumentare i turisti ad alta capacità di spesa e la loro permanenza media in città, ampliando e diversificando l’offerta e creando un modello unico nazionale di commercializzazione online.
Il Nuovo Teatro del Maggio Musicale: completamento e modello di gestione E’ stata sottoscritta la convenzione tra Comune – proprietario dell’immobile – e la Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino – per la gestione dell’immobile Opera di Firenze. Come previsto dalla suddetta convenzione è stato costituito il Comitato Tecnico di Coordinamento per gestirne gli aspetti organizzativi, tecnici, di programmazione.
Nel quadro delle azioni strategiche programmate nel Patto per la Città nel 2017 sono state avviate le analisi e la programmazione delle attività propedeutiche delle opere di realizzazione del II lotto del II stralcio funzionale alla realizzazione del complesso con il completamento dell’Audotorium da 1000 posti e della dotazione di sale prova e dei nuclei logistici interni.
🔶
La Fortezza da Basso: sviluppo del progetto di restauro e riordino architettonico del complesso al fine di ospitare gli eventi collegati al G8 del 2017 ed implementarne la condizione di recettività ed attrattività nazionale ed internazionale del polo fieristico: 200 mln investimenti, con 2000 posti di lavoro attesi A fine esercizio 2016 è stato approvato in linea tecnica il progetto definitivo dei lavori di restauro e valorizzazione della Fiortezza da Bassso per un importo di € 142.300.000,00. Il progetto è finalizzato al rilancio internazionale della Fortezza da Basso quale spazio per esposizioni e convegnistica.
Nel 2017 è proseguita l’attività finalizzata a sviluppare ulteriormente la progettazione dei lavori per il recupero della parte monumentale, la rifunzionalizzazione di alcuni padiglioni e la realizzazione di nuovi. La realizzazione dell’intervento è oggetto di un Accordo sottoscritto con Regione Toscana, Citta Metropolitana, Comune di Firenze e Camera di Commercio, con un primo finanziamento delle opere e la necessità di reperire ulteriori risorse. La gestione dei rapporti fra gli enti e gli aspetti economici sono curati dalla Direzione Generale; gli aspetti patrimoniali, dalla direzione Patrimonio.
L’opera, data la sua strategicità e rilevanza economica è inserita anche nel Patto per la città Metropolitana di Firenze e, per una 1a tranche, trova rispondenza nell’attuale PTI dell’ente.
Progetto” Borsa delle Idee” in grado di attirare soggetti e/o associazioni con progettualità innovative che spaziano in vari settori utilizzando la forza dell’Amministrazione e delle sue articolazioni per veicolare queste idee al fine di vederle realizzate Il progetto non è stato sviluppato in maniera unitaria ma attraverso varie azioni quali:
– call for ideas per per il futuro dell’ex caserma Mameli: un bando internazionale di idee cui segue la valutazione dei progetti presentati;
– call for ideas per il futuro della ex caserma Lupi di Toscana: un concorso di idee per dare nuova vita alla ex caserma. Otto candidati hanno superato la fase di preselezione. I progetti per la fase finale devono pervenire entro la fine di gennaio 2018.
– “chiamata alle arti”, ovvero una consultazione pubblica di creativi rivolta ad aziende, progettisti e agli studi professionali per la realizzazione di dissuasori ed elementi di protezione e sicurezza degli spazi pubblici della città.
Anniversari e grandi appuntamenti
– Realizzazione a Firenze del Forum Unesco 2014 sulla cultura e sulle industrie culturali
– EXPO 2015
– Firenze Capitale
– 750 anni dalla nascita di Dante Alighieri
– Sinodo e venuta del Papa
– ONU Anno internazionale della luce e tecnologie basate sulla luce
– anniversario alluvione (2016)
– G8 (2017)
Forum Unesco: l’evento è stato realizzato nei giorni dal 2 al 4 ottobre 2014. I risultati sono stati notevoli sia per numeri di presenze sia per feedback di gradimento a livello internazionale. Insieme a MUSE è stata realizzata una presentazione con i dati più rilevanti.
Nel 2015, grazie all’azione trasversale di molteplici Direzioni del Comune, la ben riuscita organizzazione dei molti grandi eventi. In particolare: celebrazione dei 150 anni di Firenze Capitale, EXPO2015, Celebrazioni per i 750 anni dalla nascita di Dante Alighieri,”Unity in Diversity”,Visita del Papa,Vertice Nato sul Mediterraneo . E ancora nel 2016: 50° Anniversario Alluvione. Secondo il programma previsto da deliberazione G.C. 471/2016, gli eventi si sono svolti con un ottimo risultato in termini partecipativi (per l’anniversario dell’alluvione più di mille gli “Angeli del Fango” provenienti dalle più diverse parti del mondo). Inoltre la celebrazione 150° Anniversario delle relazioni Italia Giappone, la.IV edizione del Wired Next Fest 2016 (festival internazionale dell’Innovazione), il World Superyacht Awards 2016, l’anteprima mondiale del film Headache – Inferno.
Si è tenuto a Firenze il G7 della Cultura il 30 e 31 marzo 2017. E’ stata la prima sessione di G7 sui temi culturali mai affrontata.
Relazioni con operatori internazionali. Sviluppare il centro sino italiano di design nelle 2 sedi di Firenze e Shanghai; attrarre investimenti stranieri attraverso progetti di marketing territoriale e partecipazione al progetto EU Cina Green Smart City Sono proseguiti i rapporti con la municipalità di Shanghai per l’animazione del Centro Sino Italiano di design a Villa Strozzi. Nel corso del 2017 una nuova pagina della collaborazione Italia-Cina in ambito culturale e creativo grazie alla celebrazione del quinto anniversario del Sino Italian Design Exchange Center Shanghai Florence, un avamposto cinese d’avanguardia dell’industria del design e della creatività. In tale occasione è avvenuta la visita del leader Han Zheng, membro dell’Ufficio politico del Partito Comunista Cinese e segretario del Comitato municipale di Shanghai. Grazie al rilancio dell’accordo nel corso del 2017 è avvenuta una trasferta di artigiani fiorentini accompagnati da Artex a Shanghai.
Nuova notte bianca La tradizionale iniziativa “Notte Bianca”, che da alcuni anni si svolge tra il 30 aprile e il 1° maggio a partire dalla edizione 2016 è stata inclusa nella rassegna dell’Estate Fiorentina tra gli eventi della suddetta manifestazione con una veste completamente rinnovata e denominata la “Prima Notte d’Estate” . Essa ha inaugurato la rassegna con una serie di eventi artistici e culturali dedicati anche alla promozione della lettura, del libro e alla diffusione della cultura letteraria.
Estate metropolitana: Festival “Estate Fiorentina 2017”, la rassegna estiva cittadina, rappresenta una grande opportunità per la promozione della città in Italia e all’estero e per la valorizzazione delle realtà culturali presenti sul territorio grazie alla pluralità di eventi a carattere culturale, artistico, di spettacolo e di intrattenimento che sono realizzati.
Partendo dalle positive esperienze delle precedenti rassegne, nel 2017 si è sviluppata maggiormente la qualità artistico-culturale dei progetti attraverso criteri premianti in fase di predisposizione di avviso pubblico.
L’Amministrazione Comunale, al fine di una più efficace programmazione, ha previsto l’anticipazione della fase di pubblicazione dell’avviso rispetto agli anni passati. Inoltre, nell’avviso di selezione sono previsti alcuni spazi e luoghi periferici e meno conosciuti dalla cittadinanza da valorizzare con una programmazione artistico culturale.E’ stato previsto inoltre un incremento delle risorse economiche stanziate su apposito capitolo di bilancio. Oltre ai progetti selezionati da apposita commissione, alcuni progetti specialihanno arricchito artisticamente la rassegna.
Alla nutrita programmazione estiva, infine, si uniscono le attività artistico-culturali e ricreative realizzate all’interno degli spazi estivi assegnati
durante il periodo primaverile-estivo, con annesso servizio di ristoro accessorio. Tali attività appartengono al novero delle iniziative finalizzate
alla valorizzazione, rivitalizzazione e qualificazione di alcuni spazi pubblici cittadini e del patrimonio culturale anche al fine, attraverso
un costante presidio degli spazi assegnati, di prevenire e limitare situazioni di degrado.
Realizzazione del Progetto per piazza della Repubblica (MEDIA CENTER) l progetto è stato accantonato
Progetto Forte di Belvedere  
Promozione e valorizzazione artigianato ed esercizi storici. Progetto Bloomberg Rispetto alla promozione dell’artigianato, in collaborazione e con il contributo del Comune, il Conventino si sta affermando come centro di eccellenza polifunzionale e polivalente a livello locale, regionale, nazionale e internazionale nelle attività legate al settore artistico e tradizionale. In questa direzione va “Officina Creativa” ,il piano di attività sviluppato da Artex cui il Comune ha dato gli spazi.
Per gli esercizi storici è previsto un disciplinare nel quale saranno indicati i requisiti che per ciascun esercizio saranno oggetto di divieto di trasformazione dell’attività (es. insegne, marchio, etc).
Ai proprietari degli esercizi storici è stata riconosciuta con deliberazione del 2017 un’agevolazione aliquota Imu.

Nell’ottobre 2016 la Bloomberg Associates ha accettato di collaborare con il Comune di Firenze per creare un laboratorio internazionale di idee su management culturale, sostenibilità, trasporti, servizi sociali e pianificazione urbana. Firenze è entrata nel numero ristretto di città che possono vedersi garantito un servizio di consulenza internazionale che mira a garantire la qualità della vita dei cittadini.
Questo grazie a un team di esperti che collaborano con le città per sviluppare le best pratices, costruire il consenso e favorire il sistema relazionale.
Firenze Card: rilancio della Firenze Card, riavvio del tavolo della governance, ampliamento dei numero
di musei aderenti alla Firenze Card e sviluppo dello strumento per una maggiore sostenibilità e per
l’offerta di servizi aggiuntivi extra museali
La Firenze Card inizialmente coinvolgeva 33 musei, fra musei statali, provinciali e civici della città di Firenze. Gradualmente ha ampliato il proprio circuito con l’inserimento dei musei universitari e di molti musei privati cittadini; ad oggi i musei inclusi nel circuito della card sono 72 includendo gli scavi archeologici di Palazzo Vecchio e il museo Bartali. Nel 2016 sono state principalmente implementate le azioni per il consolidamento del conto economico che hanno determinato un ottimo risultato positivo della gestione finanziaria. E’ stato attivato un monitoraggio continuo e sviluppato un proficuo confronto con i referenti della governance del progetto. E’ stato possibile avviare le azioni previste per lo sviluppo della Card per il 2017, che riguardano in particolare lo sviluppo della Firenze Card +, la diffusione e distribuzione mediante altri canali della vendita della Firenze Card e campagne di comunicazione ad hoc compreso il rifacimento del portale dedicato. Avviato attraverso incontri operativi tra la Direzione Cultura, Linea Comune e il Servizio Promozione Economica il progetto di dematerializzazione della Card.
Museo’900: valorizzazione del museo anche mediante l’utilizzo delle risorse derivanti dal protocollo
siglato con il Mibact in data 8 aprile 2014
A giugno 2014 il museo del 900 è stato aperto al pubblico. Le sale sono state attrezzate per permettere livelli avanzati di fruizione, anche interattiva, dei contenuti e materiali proposti. Nel 2016 si è dato corso all’appalto dei lavori di recupero dei locali per dotare il Museo di nuovi spazi destinati a sale per esposizioni temporanee ed è stata completata la progettazione del 2° lotto funzionale dedicato alle sale per esposizioni temporanee. A fine anno è stato approvato il progetto -in linea tecnica – del rifacimento delle facciate e coperture su via Palazzuolo.
Valorizzazione dei Complessi monumentali: Santo Spirito, Santa Maria del Carmine, SS. Annunziata, S. Firenze, mediante percorsi organici, visite guidate ed altre iniziative Nel corso del 2016 e del 2017 sono state implementate le attività di valorizzazione dei complessi monumentali. Nel 2016 è stato rinnovato l’accordo con il Fondo Edifici di Culto per la gestione del Complesso di Santa Maria Novella e realizzato nello stesso il nuovo allestimento del refettorio con l’esposizione delle lunette di Paolo Uccello; in Santa Maria del Carmine si è proceduto alla riorganizzazione del percorso museale e alla valorizzazione dei supporti tecnologici per l’autonoma fruizione del museo; è stato introdotto altresì il biglietto cumulativo per la fruizione integrata della Cappella Brancacci e Fondazione Salvatore Romano in Santo Spirito.Per il complesso di San Firenze sono stati formalizzati i rapporti con la fondazione Zeffirelli onlus ed è nato il Centro internazionale delle arti e dello spettacolo. Nel 2017 è stato ampliato il percorso di visita di Santa Maria Novella con l’annessione e l’integrazione del percorso museale con i locali della ex Caserma Mameli (Chiostro Grande, ex Dormitorio settentrionale e Cappella del Papa) con visite guidate alla Cappella del Papa che ha determinato
l’elaborazione di un piano per la rimodulazione del biglietto di ingresso del Complesso Monumentale.
Presso il complesso monumentale delle Ex Leopoldine, oggi Museo 900, è stato ampliato il percorso museale con l’apertura di sale dedicate
alle esposizioni temporanee
Palazzo Vecchio e S.M.Novella: l’attuazione progressiva del Piano Unitario di Valorizzazione architettonica di Palazzo Vecchio consentirà l’ulteriore ampliamento degli spazi museali .
Con riferimento, invece, al Museo di Santa Maria Novella sono previste opere per migliorare l’accessibilità ai fruitori diversamente abili in corrispondenza del nuovo collegamento realizzato tra la basilica ed il Convento
Palazzo Vecchio: il 18 dicembre del 2014 è stato inaugurato, in anticipo rispetto ai tempi previsti, il nuovo percorso museale degli scavi archeologici sotto Palazzo Vecchio, nonché il nuovo Foyer utilizzando anche le risorse del contributo Mibact.
Nell’Ottobre 2016 è stata inaugurato il nuovo allestimento della sala dei Duecento che ha consentito l’esposizione stabile, a rotazione, degli arazzi medicei con le storie di Giuseppe Ebreo e l’annessione dello spazio istituzionale all’interno del percorso di visita del Palazzo.E’ stata quindi ampliata la superficie architettonica dedicata alla fruizione museale includendo in quest’ultima, non solo l’area della sala consiliare
dopo il nuovo allestimento con l’esposizione a rotazione degli arazzi, ma anche gli itinerari di visita dei cantieri di restauro degli affreschi vasariani nella sala degli Elementi e della fontana del Nettuno . Infatti con l’avvio di questi due grandi interventi di restauro sono stati allestiti due itinerari di visita “open site” all’interno dei cantieri, finalizzati all’ampliamento del percorso museale durante l’esecuzione dei lavori.
Sono in corso di ultimazione le opere di ampliamento dei servizi museali adiacenti la nuova biglietteria.
Museo S. M. Novella: è stata curata l’esposizione temporanea nel refettorio delle storie della Genesi di Paolo Uccello.
Sono poi state svolte le attività tecniche propedeutiche ad una prima riapertura al pubblico,nel mese di ottobre 2016, di porzione del complesso
domenicano occupato da oltre un secolo dalla scuola Marescialli dei Carabinieri. Nell’aprile 2017 le porzioni monumentali del convento intorno
al Chiostro Grande (Dormitorio e Cappella del Papa) sono state stabilmente annesse al Museo Civico.
Sono in corso di ultimazione i primi progetti finalizzati all’ampliamento del Museo inserito nel patto per la città con le proposte per il nuovo
ufficio Catalogo Storico e Fototeca del Comune ed il restauro della facciata su via della Scala.
E’ in corso di esame presso la Soprintendenza il nuovo sistema di accessibilità per fruitori diversamente abili del nucleo originario del museo.
Supporto alle realtà culturali cittadine: corsia preferenziale nei canali di comunicazione istituzionale a favore delle realtà come il Museo Stibbert, il Conservatorio, le Scuole di Musica, le Accademie, le Scuole per stranieri, le Scuole di restauro. Sostegno al Teartro Niccolini, al museo degli Innocenti, al Teatro della Compagnia e all’opera del Duomo Inaugurazione del nuovo Teatro Niccolini avvenuta l’8 gennaio 2016 dopo quasi 20 anni di restauro.
Aperto il rinnovato e ampliato Museo degli Innocenti.Inaugurato il 24 giugno 2016, il Museo degli Innocenti si presenta oggi arricchito sia nel percorso architettonico, con la conclusione dei lavori di ripristino dalla facciata e dei cortili monumentali, sia nel percorso storico, con l’aggiunta della sala dedicata al Novecento, che in quello artistico, con il nuovo allestimento dedicato ai due Putti di Andrea Della Robbia rimasti all’interno della Galleria e quello dedicato all’arte devozionale.
A fine 2016 riapertura dello storico cinema di via Cavour il “teatro della Compagnia”.
Il 29 ottobre 2015 apertura del Museo dell’Opera del Duomo.
Museo Carnielo: nuova condizione d’uso del Museo Carnielo quale sede del Centro Internazionale per le Arti e per lo Spettacolo di Franco Zeffirelli e la migliore funzionalità di contenitori storici quali il Teatro della Pergola ed il Museo Stibbert Vista la decisione di spostare il Centro delle Arti e dello Spettacolo nel complesso di San Firenze, per il Museo Carnielo l’Amministrazione sta predisponendo un bando di concessione di valorizzazione per consentire ad un soggetto privato il recupero del complesso edilizio e la contestuale riorganizzazione ed apertura al pubblico del Museo Carnielo.
Teatro della Pergola: dopo gli interventi impiantistici, nel corso del 2015, è stato approvato nel maggio 2017 il progetto esecutivo di messa in sicurezza delle coperture.
Sviluppo del progetto Grandi Oblate: volto ad ospitare nel convento di via dell’Oriuolo la Public Library più grande d’Italia, mediante il completamento dei lotti progressivi di ampliamento della bilioteca finanziati dall’Ente Cassa di Risparmio ll 3 Giugno 2015 si è svolta l’inaugurazione degli spazi relativi al progetto Grandi Oblate, II° lotto, con le aperture del nuovo ingresso, nuova sala conferenze, area di accoglienza del pubblico vicina all’ingresso principale e miglioramento dei flussi di frequentazione e ampliamento dello spazio destinato al patrimonio a scaffale aperto con la riorganizzazione dello spazio nella ex sezione bambini al 2° piano, con allestimento della sezione Scienza e Tecnica. Nel 2016 e’ stato elaborato un piano organizzativo degli eventi e delle attività della biblioteca a seguito della riorganizzazione degli spazi, è stata svolta la verifica della fruizione dei nuovi spazi, sala accoglienza, sala incontri, nuova sezione scienza e tecnica. E’ stato messo a punto il piano di comunicazione per l’intero Sistema biblioteche Comunali di Firenze, con particolare riguardo alle Oblate e al suo percorso di cambiamento. Nel 2017 l’avvio dei lavori del III lotto relativi alla ristrutturazione della sala delle Capriate al II piano per apertura di un nuovo ampio spazio per i libri e per sala lettura oltre a restauro di porzione di coperture.
Prevista altresì la redazione del progetto del IV lotto, che afferisce principalmente alla riorganizzazione del livello terreno ed alle sistemazioni esterne.
Studio di fattibilità per la costituzione di un polo culturale (firenze grandi eventi) che possa mettere insieme la gestione della Teatro del Maggio, della Leopolda e della Fortezza che potrebbe denominarsi “Firenze Grandi Eventi” Non è stato costituito un nuovo soggetto istituzionale ma è stata promossa un’azione di coordinamento tra Firenze Fiera S.p.A., Fondazione Maggio Musicale Fiorentino e Pitti Immagine che sono i tre principali gestori che possano effettuare un’ azione coordinata dei grandi eventi.
L’ Amministrazione sta definendo inoltre l’acquisizione della Leopolda per favorire ulteriormente l’integrazione tra questi soggetti.
🔶
Il Calcio Storico Fiorentino: saranno attivate iniziative volte al miglioramento della visibilità e dell’immagine del Calcio Storico, anche attraverso la proposta di modifica del regolamento comunale, tale da favorire una maggiore spettacolarizzazione L’Amministrazione ha avviato un percorso di analisi e di revisione del regolamento che ha visto l’apporto anche di esperti del gioco del Calcio Fiorentino e delle Associazioni di Colore che ha portato all’approvazione della deliberazione del CC n.18 del 23/3/2014 con cui sono state apportate modifiche al Regolamento di organizzazione e disciplina delle feste e tradizioni fiorentine e della rievocazione storica del gioco del calcio fiorentino.
Nel 2016 la promozione del calcio storico si è incentrata nell’ambito delle scuole attraverso una fattiva collaborazione nell’ambito CHiavi della città . C’è stata l’affiliazione con Federazione Calcio Nazionale, sono state stipulate n. 3 convenzioni con Associazioni di colore per consegna locali e campi di allenamento ed è stato realizzato un sito internet specifico del Calcio Storico Fiorentino. Nel 2017 lo studio per merchandising dei marchi calcio storico, le n. 2 trasferte all’estero (Marsiglia e New York, la sperimentazione vendita “Gold Package” (pacchetto da € 500,00 comprensivo di biglietto e servizi vari) per Torneo di San Giovanni 2017 (con successive richieste di tour operator/agenzie di tutta Italia) e le proiezioni al Teatro della Compagnia del documentario VICE e al cinema Odeon di film sul calcio storico.
Servizio di Accoglienza ed Informazione Turistica: completamento della messa a sistema del servizio, attraverso l’implementazione delle attività di informazione (definitivo avvio del Call Center Turistico) e di animazione, nonché attraverso lo studio di fattibilità di nuovi punti di accoglienza (Media Center in pazza della Repubblica) e di miglioramento degli esistenti. Restyling e ampliamento del sito di destinazione condiviso con la Provincia “www.firenzeturismo.it” e rafforzamento della rete istituzionale (Comune, Provincia, CCIAA e in prospettiva Città Metropolitana) per l’accoglienza e la promozione turistica. A marzo 2017 è stato inaugurato il rinnovato ufficio di informazione turistica di piazza Stazione, nel quale non solo è stato rinnovato l’allestimento (altamente informatizzato), ma sono stati integrati nuovi servizi quali: un call center dedicato esclusivamente alle informazioni turistiche e culturali (055000), una casella di posta elettronica in grado di rispondere in 24 ore alle richieste in nove lingue diverse, noleggio di sedie a rotelle e traduttore telematico per non udenti.
In collaborazione anche con la Città metropolitna, oltre all’aggiornamento e sviluppo del portale firenzeturismo.it, per la valorizzazione della destinazione Firenze e l’offerta di informazioni è stato potenziato l’uso di strumenti social e realizzato il totem touchscreen per l’offerta di informazioni turistiche e la vedita di biglietti dei musei.
Dal punto di vista della rete istituzionale l’Amministrazione sta dialogando con la Città Metropolitana per la definizione di un modello di governance, anche alla luce della nuova legge regionale sul turismo.
Turismo Accessibile: restyling e aggiornamento delle sezioni dedicata all’accessibilità delle strutture e dei servizi della città a disposizione dei turisti (e non solo), sia sul sito di destinazione “www.firenzeturismo.it” (condiviso con la Provincia di Firenze) che sulla Rete Civica. Sul tema del turismo accessibile l’Ammnistrazione, in collaborazione con la Città Metropolitna, ha mantenuoto aggiornate le informazioni riportate sul portale turistico “www.firenzeturismo.it”. Il tema dell’accessibilità rappresenta poi uno dei temi sviluppati nell’ambito del progetto Destination Florence, sviluppato da Firenze Convention & Visitors Bureau (partner tecnico del Comune di Firenze nella promozione della destinazione Firenze).
Turismo Sostenibile: implementazione, in stretto raccordo con la Regione Toscana, dell’Osservatorio Turistico di Destinazione (OTD) per l’analisi sull’impatto e sulla sostenibilità del turismo e l’individuazione di iniziative di promozione attraverso il dialogo sociale con tutte le componenti cittadine coinvolte, nonché in stretta collaborazione con le altre grandi città italiane di destinazione turistica (Protocollo GDITS – Milano, Venezia, Prov. Rimini, Firenze, Roma, Napoli) A seguito di avviso pubblico della Regione Toscana per la manifestazione di interesse da parte dei Comuni per l’adesione alla fase applicativa del progetto Toscana turistica sostenibile e competitiva – fase 2 – applicazione del modello di gestione sostenibile delle destinazioni turistiche,con decreto della Regione Toscana n. 5869 del 28/11/2014, è stata approvata la graduatoria dei Comuni, assegnando al Comune di Firenze il finanziamento di €30.000,00. Al Centro Studi Turistici (CST), ente partecipato dal Comune di Firenze,è stato affidato il servizio di aggiornamento dell’Osservatorio Turistico di Destinazione Comunale.
Unesco – Piano gestione: approvare e individuare nel nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze lo strumento efficace per incentivare l’interazione, la sinergia e il coinvolgimento multidisciplinare (olistico) dei soggetti che agiscono, modificano e valorizzano il patrimonio della città nei vari settori: dal recupero delle infrastrutture abbandonate o sottoutilizzate, alla rivitalizzazione degli spazi pubblici, alla gestione del turismo, della mobilità, dell’immagine della città e del suo spazio pubblico e nella gestione dei macro cantieri. Nell’approccio internazionale creare le condizioni per una progettazione dedicata ai temi della valorizzazione del patrimonio e della gestione “intelligente” della città in un approccio multidisciplinare con le città Patrimonio dell’Umanità gemellate con Firenze Il Piano gestione centro storico area Unesco è stato approvato con GC n. 8 del 19.1.2016
Il Piano è stato approvato a seguito di una serie di tavoli di lavoro, avviati nel 2013 con la precedente Amministrazione , che hanno visto la partecipazione delle principali istituzioni e stakeholders coinvolti nella conservazione e valorizzazione del patrimonio UNESCO. Si è tenuto un percorso di partecipazione dedicato al Piano di Gestione attraverso la modalità di una Maratona dell’Ascolto, svoltasi tra il 14 novembre e il 25 novembre 2015 con la presenza attiva di portatori di interesse, cittadini e comitati, i cui risultati sono parte integrante del Piano di Gestione.

Approvazione del regolamento urbanistico Il Regolamento Urbanistico e la contestuale variante al Piano Strutturale sono stati definitivamente approvati dal Consiglio Comunale in data 02.04.2015 (deliberazione n.25). A distanza di poco più di due anni è stata approvata la prima variante di manutenzione (luglio 2017), per lo più di carattere normativo, per permettere una più agevole operatività dello strumento. Il Regolamento Urbanistico è stato inoltre variato per accogliere l’intervento di messa in sicurezza idraulica del torrente Mensola e per l’adeguamento al Piano di Gestione Rischio Alluvioni successivamente intervenuto. Una variante puntuale è stata approvata per consentire la modifica dell’assetto del centro sportivo ACF.
Accompagnare il processo di rigenerazione urbana che si avvierà con gli interventi, previsti nel RU, di riqualificazione pubblica e mantenere la regia di quelli privati attraverso i piani attuativi ed i permessi a costruire convenzionati, consentirà l’effettivo sviluppo e miglioramento delle aree e dei servizi pubblici a beneficio dei cittadini Il processo di rigenerazione urbana, come descritto ed articolato all’interno delle previsioni di RU, è stato avviato e variamente condotto con riferimento alle seguenti aree per le quali è qui fornita una sintetica descrizione di stato:
AT 12.20 Repubblica: la convenzione èstata sottoscritta il 28.07.2015
AT 08.03 Ex Lazzi: la convenzione èstata sottoscritta l’11.11.2015
AT 01.05 Piazzuola: la convenzione èstata sottoscritta l’14.12.2015
AT 12.15 Lavagnini: la convenzione èstata sottoscritta il 10.02.2016
AT 12.39 Cerretani: la convenzione èstata sottoscritta il 24.10.2016
AT 06.01 Ex Inps: la convenzione èstata sottoscritta il 10.08.2016
AT 03.02 Campeggio Rovezzano: la convenzione è stata sottoscritta il 7.12.2016
AT 12.08 Ex Inarcassa:la convenzione è stata sottoscritta il 06.02.2017
AT 12.21 San Firenze: procedimento di approvazione del piano di recupero concluso in data 20.09.2017 con efficacia conseguita in seguito a pubblicazione sul BURT n. 38 di pari data del relativo avviso
27 sono inoltre i piani attuativi /di recuoero in istruttoria /da convenzionare (ATa 08.10 Ex Officine Grandi Riparazioni,AT03.05 Ex Enel Campofiore,AT 02.02 Sercambi,AT 03.26 Impianti Sportivi Dalla Chiesa 2,AT 04.02 Impianti Sportivi Carraia ,AT 08.01 Baracca Ferrovia,AT 10.22 Perfetti Ricasoli,AT 11.02 Ex Cerdec,
AT 12.11 Ex Teatro Comunale,ATa 12.26 Romito,AT 03.03 Erbosa,AT 12.01 Bufalini,AT 12.12 Ex Telecom
Masaccio, AT 10.03 Ex Panificio Militare, AT 12.18 Parcheggio Fonderia,AT 09.04 Ex Gover,
AT 12.24 Zanella,AT 12.04 Demidoff,AT 05.01 Conventino Nuovo,AT 08.04 Ex Manifattura Tabacchi,
AT 03.04 Ex Deposito Tram,AT 11.05 Quarto,AT 01.03 La Querce,AT 12.44 Portinari Salviati).
Avviare la trasformazione di oltre 700.000 metri quadrati di contenitori in cerca di una nuova funzione per farne spazi per residenza, housing sociale, servizi, coworking opportunità di lavoro, ma anche progetti di insediamento in città di funzioni legate all’industria creativa, all’economia della conoscenza e all’innovazione Sono complessivamente 313.464,72 i mq di superficie utile lorda in trasformazione da AT convenzionate e in istruttoria/da convenzionare.
Avviare la riconversione delle caserme che finalmente saranno restituite alla città, ma anche completare gli interventi a San Salvi per farlo diventare il “polo della memoria”, un luogo simbolico da restituire alla città per farne uno spazio culturale, abitativo e di nuova socialità. E’ stato definito un accordo con il Ministero della Difesa per la valorizzazione delle Caserme e la cessione gratuita al Comune della Caserma Gonzaga ex Lupi di Toscana. La valorizzazione è stata effettuata e la Gonzaga acquisita.
Sono in corso di attuazione gli interventi per la valorizzazione di alcuni complessi quali: Caserma Cavalli che sarà destinata a incubatore, hub digitale e centro interazione e la ex Caserma Redi candidata ad ospitare l’hub europeo del progetto “E-RIHS”
European Research Infrastructure for Heritage Science, un’infrastruttura di ricerca distribuita in modo capillare in Europa per condurre ricerche di alto livello sui temi della “scienza applicata al patrimonio culturale, naturale e archeologico”, con l’obiettivo di migliorarne e innovarne le tecniche di conservazione.
Sono stati svolti concorsi di idee propedeutici alla riconversione delle ex caserme Gonzaga (Lupi di Toscana), Vittorio Veneto, Ospedale militare San Gallo. Per l Gonzaga completata la preselezione; per la VIttorio Veneto, pur essendo intervenuti nel dicembre 2016 gli esiti del concorso, il Comune è ancora in attesa della documentazione tecnica per espletare la procedura di verifica di assoggettabilità a Valutazione
Ambientale Strategica.
Per la caserma S. Gallo il concorso si è chiuso nel marzo del 2017 ma non sono stati ancora ricevuti gli esiti.

Il Polo della Memoria sarà realizzato all’EX3 di Gavinana dove sarà installato il Memoriale Italiano di Auschwitz, chiuso al pubblico dal 1981
e già trasportato a Firenze con la collaborazione di ANED, MIBACT e Regione Toscana.
Sarà anche previsto uno spazio museale dedicato alla Resistenza.
🔶
Fare rigenerazione urbana anche con lo spostamento dei volumi. Con il sistema della perequazione urbanistica introdotto dal regolamento urbanistico saranno eliminate le situazioni di degrado, creando nuovi spazi pubblici laddove la città è troppo densa. Consentendo ai privati di trasferire le superfici delle loro proprietà dismesse in parti di città dove è necessario ricucire gli spazi urbani per migliorare la vita comune, e ottenendo gratuitamente gli spazi lasciati liberi per la realizzazione di giardini, piazze e parcheggi si avrà un evidente vantaggio per tutta la città dalla periferia al centro storico Nel Regolamento Urbanistico è stara introdotta a a livello sperimentale la perequazione urbanistica coinvolgendo un numero estremamente limitato di aree ed immobili. Al momento nessun intervento è stato ancora attivato. Le problematiche rilevate riguardano le criticità tipiche del comparto urbanistico tradizionale collegate alla proprietà privata. Infatti molte delle aree di trasferimento individuate perché dismesse e abbandonate, interessano spesso in tutto o in parte procedure fallimentari con la conseguente impossibilità di aderire al comparto. Per quanto concerne le aree di atterraggio la criticità maggiore risulta legata all’assetto proprietario spesso molto frazionato che non trova il necessario accordo. In ultimo si registrano doglianze anche per ciò che riguarda la convenienza economica ad effettuare l’intervento derivanti dal differenziale della rendita di posizione fra le aree in trasferimento e le aree di atterraggio. 🔶
Consolidare il progetto di riordino del mercato di S. Lorenzo attraverso il coinvolgimento degli operatori, residenti, associazioni di categoria La gestione della applicazione della delibera di Giunta Comunale n. 413/2014, riguardante la sistemazione del Mercato di San Lorenzo, è stata attuata nel corso del 2015 tramite approvazione della graduatoria degli operatori di commercio su area pubblica per la scelta dei posteggi nell’ambito della riorganizzazione dei mercati turistici “SanLorenzo” e “Madonna degli Aldobrandini”. La graduatoria e le conseguenti scelte dei posteggi hanno efficacia fino all’emanazionedei bandi di applicazione della direttiva Bolkestein .
Nel 2014-2015 è stato attivato un presidio della Polizia Municipale nell’area di San Lorenzo, per garantire il contatto di prossimità in un punto di aggregazione cittadina rilevante, con controlli a tutta la zona non solo per scongiurare e contrastare la vendita abusiva, ma anche eventuali altri fenomeni illeciti.
Nel 2016, onde valorizzare il ruolo dei Consorzi degli operatori dei Mercati coperti, sono state concordate e sottoscritte convenzioni sia per il mercato di San Lorenzo che per Sant’Ambrogio, affidando ai Consorzi stessi la gestione e valorizzazione delle strutture citate.
Tali convenzioni sono state rinnovate per l’anno 2017.
Dare un nuovo volto a Piazza dei Ciompi tramite il restauro della piazza ed il mantenimento del mercato antiquario Nel 2016 il progetto di riqualificazione di Piazza dei CIompi è stato al centro di una maratona dell’ascolto. Nel corso del 2017 sono iniziati i primi lavori di riqualificazione dell’areai ( rifacimento dei marciapiedi di Borgo Allegri in pietra e della carreggiata in asfalto, rifacimento del marciapiede di via Buonarroti in pietra e riqualificazione carreggiata con ripristino delle pietre danneggiate, interventi all’interno del Giardino del Gratta dove sarà collocato un fontanello di acqua alta qualità. Il tutto per un investimento di 447mila euro). E’ stato approvato in agosto 2017 dalla Giunta il piano integrato per la riqualificazione del quartiere di Sant’Ambrogio che delinea i prossimi passi dell’intervento di riqualificazione di piazza dei Ciompi lanciando la fase di progettazione del giardino e confermandone al tempo stesso la funzione mercatale. Piazza dei Ciompi avrà infatti una nuova area verde centrale con intorno le postazioni per realizzare fiere e mercati.
Definire una nuova soluzione per il raggruppamento mercatale di Via dei Gondi tenendo conto del perseguimento della tutela e del decoro, oggi espresso dai piu recenti indirizzi legislativi. Revisione generale del regolamento e piano del commercio su area pubblica del Comune di Firenze tramite consultazioni con le associazioni rappresentati e gli operatori, consolidamento della scelta di preservare aree delicate del centro storico come Piazza San Firenze facendo intanto atti di spostamento delle postazioni lì presenti.
Sostenere, in tutti i settori commerciali e anche nelle attività di somministrazione, la produzione e la filiera locale e quindi il rapporto di questi settori con la produzione locale Come stabilito dal “Regolamento misure per la tutela e il decoro del patrimonio culturale del centro storico” l’amministrazione ha stabilito il 18/01/2016 il divieto di insediamento di nuove attività di commercio al dettaglio del settore alimentare e somministrazione nel centro storico, se non non nel rispetto di alcune prescrizioni. Tra queste, l’obbligo di mettere in vendita o somministrare prodotti di filiera corta o comunque tipici del territorio e della tradizione storico culturale della città di Firenze e della regione Toscana. Tale scelta è stata integrata, con modifica al regolamento citato in data 6/5/2017, con la scelta di impedire aperture dei nuovi esecizi degli ambiti citati per un periodo di tre anni nel centro storico della città.
Promuovere la realizzazione del Nuovo Stadio, grande orgoglio per i tifosi della Fiorentina e una importante opportunità di lavoro E’ stato presentato il progetto ufficiale da parte di Fiorentina e dichiarato il pubblico interesse dell’Amministrazione Comunale.
E’ in corso di redazione il progetto definitivo per la successiva approvazione e procedimento di evidenza pubblica prima della stipula della convenzione.
Promuovere la riqualificazione della Manifattura Tabacchi e dell’area Leopolda ferroviaria, Ex Officine Grandi Riparazioni Porta al Prato Manifattura Tabacchi: grazie anche alla promozione effettuata dall’Amministrazione Comunale il complesso è stato acquisito da un fondo internazionale che,dopo aver effettuato un workshop con professionisti del settore immobiliare, ha definito la soluzione progettuale del piano di recupero.
Area Leopolda: a seguito della escussione della polizza fideiussoria a garanzia delle opere di urbanizzazione di cui al Piano Urbanistico Esecutivo , per il fallimento della CEPA Spa, il Comune sta completando alcune opare di urbanizzazione (giardino via Ponte alle Mosse).Dopo l’abbattimento della palazzina ex Enel proseguono le opere di urbanizzazione per l’area Leopolda vicino a Porta al Prato (PUE Paisiello). La viabilità è migliorata grazie alla apertura della prosecuzione di via Gui su via Paisiello. In corso definitiva sistemazione di piazza Bonsanti e il completamento del parcheggio interrato da 80 posti, di cui la metà passeranno al Comune).
Ex Officine Grandi Riparazioni Porta al Prato: concluso l’accordo preliminare necessario per l’approvazione del Piano di recupero del complesso. Attualmente il soggetto proprietario ha in corso le procedure per la vendita del complesso.
Riqualificare la Fortezza Da Basso Nel 2015 sono stati approvati dall’Amministrazione il piano di recupero e il progetto preliminare per implementare la ricettività e l’attrattività della struttura come polo fieristico e per la sua conservazione,
Sottoscritto a ottobre 2016 l’ “Accordo Fortezza Da Basso Firenze” tra Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze e Camera di Commercio di Firenze. Sempre nel 2016 completato l’aggiornamento catastale e richiesto il nulla osta alla Soprintendenza. E’ stato approvato in linea tecnica a inizio 2017 il progetto definitivo per l’incremento delle dotazioni fieristico-congressuali (r la demolizione e ricostruzione del padiglione Cavaniglia, la rifunzionalizzazione e implementazione delle altre strutture e la realizzazione del nuovo padiglione Bellavista) per un importo di 142.300.000,00 euro. Gli interventi in ambito monumentale hanno previsto anche la creazione di un percorso turistico-museale aereo che permetta di accedere al camminamento di ronda posto sulla sommità della cortina muraria
Recuperare l’Ex Gasometro di San Frediano Approvata nel regolamento urbanistico la nuova destinazione del complesso che prevede l’utilizzazione di tale area anche come piccolo parcheggio meccanizzato. Tale ipotesi non ha suscitato interesse. Nel frattempo l’Amministrazione Comuale ha attuato interventi quali la riqualificazione e chiusura della tettoia per consentire la migliore fruibilità. Sono stati inoltre assegnati in concessione di valorizzazione alcuni complessi adiacenti all’ex Gasometro, oroginariamente abbandonati quali il S. Rosa bistrot.
L’Amministrazione Comunale ha ricevuto proposta per l’utilizzo del complesso che sta valutando.
🔶
Ampliare il numero dei beni sui quali attrarre l’interesse del privato per il restauro e le azioni conservative Progetto FLIC – Florence I Care e piano di finanziamenti al restauro e azioni conservative tramite Art Bonus.
Nel corso del 2017 è stata espletata e conclusa la revisione del sito web dedicato alla promozione delle esperienze di partnerariato pubblico-privato con la riunificazione delle azioni di sponsorizzazione e di erogazione liberale all’interno di un unico portale di comunicazione con il cittadino. In tale ambito sono state riorganizzate le categorie di beni culturali suscettibili di restauri con il coinvolgimento del provato con l’ampliamento delle specifiche tipologie (chiese, palazzi, tabernacoli, etc.) e la revisione dell’elenco di sponsorizzazioni oggetto di specifico avviso annuale. Sono state, infine, avviate le prime esperienze di “adozione” dei monumenti finalizzate a garantire la manutenzione periodica dei beni post restauro, a partire dalla Fontana collocata nel cortile di Michelozzo.
Procedere con la attivazione delle procedure di alienazione o di concessione di valorizzazione, finalizzata, per alcuni di tali contenitori (ex ristorante le Rampe, via della Casaccia, via Lorenzini), al recupero patrimoniale ed alla fruizione da parte della collettività L’edifico e l’area circostante ex ristorante “le Rampe”, dopo gara pubblica, sono stati dati in concessione per realizzarvi un luogo di ristoro e di eventi dal nome “Il Ristoro delle Guardie, a giiugno 2017 per la durata di 15 anni. Le opere di riqualificazione e restauro verranno eseguite a totale carico del privato risultato vincitore del procedimento di gara, previa acquisizione del nulla-osta della Soprintendenza.
L’immobile di via Casaccia è stato inserito nel PIano delle alienazioni e nel dicembre 2015 vi è stata la sua aggiuducazione definitiva.
Per via Lorenzini è stato pubblicato ad aprile 2017 l’avviso d’asta per la vendita del complesso immobiliare dismesso, zona Nuovo Pignone. Prevista la demolizione e ricostruzione con destinazione produttiva.

Utilizzazione di nuove tecnologie per la lotta all’evasione nell’ambito del trasporto pubblico L’utilizzazione delle nuove tecnologie per il contrasto dell’evasione nell’ambito del TPL è collegata alla Gara Unica Regionale che ha subito ritardi a causa di ricorsi fatti alla Corte di Giustizia Europea dai competitors alla gara.
In ogni caso per i prossimi 2 anni è intenzione della Regione dare in concessione su un unico lotto il servizio agli attuali gestori prevedendo sicuramente metodi ‘tradizionali’ di lotta all’evasione ovvero mediante controlli mirati con il nucleo ispettivo di concerto tra Regione Toscana e Città Metropolitana.
Realizzazione di una piattaforma per la logistica urbana, fisica e digitale, in grado di rendere efficienti e non inquinanti le consegne in città, a partire dalle aree a traffico limitato E’ stato realizzato in ambito urbano, in via Ponte alle Mosse, da parte di un soggetto privato, con il coordinamento dell’Amministrazione Comunale, un centro di distrubuzione di prodotti alimentari al dettaglio con consegna diretta all’utilizzatore previo ordine su piattaforma on line e utilizzo di mezzi non inquinanti. Da promuovere ulteriormente attività similari.
Attivazione nuovi punti di discesa bus turistici, per valorizzare la conoscenza turistica di luoghi significativi della città e facilitare l’intermodalità con bus più piccoli per gli spostamenti nelle zone centrali. E’ in corso l’individuazione di nuovi punti per la discesa/salita passeggeri a ridosso del centro storico e prossimi alle fermate di bus più piccoli per favorire l’interscambio per raggiungere le zone più centrali. Entro la fine dell’anno contiamo di attivare sperimentalmente almeno una fermata.
Sviluppo di un nuovo sistema telematico di controllo e di monitoraggio dei bus turistici, in grado di tracciarne telematicamente i percorsi e le soste in città, evitare l’evasione dei ticket e governarne al meglio la mobilità Gli uffici stanno procedendo a modificare i criteri per la determinazione delle somme da richiedere per il rilascio dei contrassegni ai bus per l’accesso e/o il transito in ZTL autobus da sottoporre al Consiglio comunale. La proposta prevede per i servizi transfer e autorizzati l’obbligo di installare un apparato di bordo (OBU) in modo da geolocalizzare e tracciare il percorso del bus in ZTL. Tutto questo al fine di contrastare l’evasione dei ticket e governare la mobilità. In fase di approvazine la nuova disciplina in modo di attivare il tutto entro la prima metà del prossimo anno. 🔶
Realizzazione nuovo parcheggio scambiatore Villa Costanza A giungno 2017 è stato inaugurato a Scandicci il parcheggio scambiatore di Villa Costanza, la prima struttura in Italia che permette la sosta direttamente dall’autostrada per utilizzare la tramvia e raggiungere il centro di Firenze in meno di mezz’ora. L’opera è stata realizzata da Autostrade per l’Italia in 12 mesi dalla disponibilità delle aree e con un investimento di oltre 16 milioni di euro
Realizzare il sistema di Bike Sharing partendo dal centro storico Ad agosto 2017 è partoto il Bike Sharing a flusso libero Un sistema che, grazie alla georeferenziazione, garantisce maggiore flessibilità, economicità ed efficienza comportando minori costi di gestione e manutenzione rispetto a quello tradizionale a stazioni fisse.
A due mesi dal debutto a Firenze del servizio Mobike si sono avuti dati record con quarantunomila iscritti con una media giornaliera di 7700 utilizzi.
Ampliamento dei servizi di car sharing anche con l’introduzione di un sistema di car sharing a flusso libero Nel 2014 è stato attivato il del sistema di car sharing a flusso libero con due operatori e notevole apprezzamento.
A seguito di ciò nel 2015 si è provveduto alla pubblicazione di un ulteriore bando per la autorizzazione di un servizio di car sharing a flusso libero da attuarsi mediante veicoli a trazione totalmente elettrica, in modo da massimizzare i benefici ambientali di tale modalità di trasporto.
Il nuovo servizio è stato avviato nel mese di ottobre 2015. Nel 2017 sè è ampliata la flotta del car sharing fiorentina con 250 vetture. Inoltre il car sharing a flusso libero fiorentino si è arricchito di un nuovo gestore Adduma Car che ha messo in campo la sua flotta di 40 mezzi totalmente elettrici, di cui 32 auto e 8 furgoni.
Realizzazione di una rete capillare moderna ed interoperabile di colonnine elettriche con oltre 160 punti di ricarica ulteriori rispetto a quelli presenti, e sviluppo di un sistema di incentivazione a tutti i livelli per favorire l’uso e la diffusione di mezzi elettrici. Oltre alla rete delle colonnine di ricarica sono state installate 6 superfast recharge ad uso esclusivo dei taxi elettrici ed è in corso un nuovo progetto con Enel che prevede nell’anno 2018 la installazione di colonnine superfast per i cittadini.
Realizzare delle aree di parcheggio e ricarica intelligente (home station) delle flotte pubbliche elettriche all’interno dei parcheggi del Comune di Firenze Con 179 stazioni di ricarica per le auto elettriche Firenze è la città con la più vasta rete del suo genere in Italia.Un primato confermato anche dalla classifica Euromobility 2017 che pone Firenze sul podio come prima città elettrica d’Italia per numero di veicoli in circolazione, taxi elettrici, stazioni di ricarica e via dicendo. Tra le azioni espletate il ricambio con i veicoli elettrici del parco mezzi del Comun, il carsharing ecologico, la rete delle colonnine per la ricarica, le 70 licenze per i taxi a impatto zero che possono contare su stazioni fast charge loro dedicate, senza dimenticare il sistema tranviario. I prossimi sviluppi punteranno su un centro storico sempre più pedonale, ciclabile ed elettrico anche grazie all’interescambio con i mezzi pubblici e la sharing mobiliy, il potenziamento della mobilità elettrica attraverso l’implementazione del sistema interoperabile di ricarica pubblica, con lo sviluppo di progetti di ricarica veloce e l’individuazione di soluzioni intermodali in grado di favorire l’utilizzo del mezzo elettrico.
Realizzazione linee tramviarie due e tre La linea 2 – Peretola – Piazza dell’Unità d’Italia (Progetto Esecutivo Revisionato approvato con D.G.C. 110 del 16.04.14) e la l linea 3.1- Careggi – Firenze S.M.N. (Progetto Esecutivo Revisionato approvato con D.G.C. 110 del 16.04.14) sono in fase di cantiere.
La cantierizzazione prevede in totale 850 giorni (2 anni e 4 mesi) per la Linea 2 e 1198 giorni (3 anni e 3 mesi) per la Linea 3.1.
E’ in via di definizione la progettazione relativa alle estensioni del sistema tranviario verso la zona Sud-Est della città attualmente rappresentate dalla Linea 3.2 (approvato Progetto Preliminare).
Progettazione collegamenti tramviari a Sesto fiorentino/Polo Scientifico, Campi Bisenzio e Bagno a Ripoli E’ attualmente in corso la gara per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica del prolungamento della Linea 2 in direzione Sesto Fiorentino e della del prolungamento della Linea 4 fino a Campi Bisenzio. E’ stata nominata la commissione giudicatrice e si prevede l’aggiudicazione entro il 31/1/2018 a cui far seguire la sottoscrizione del contratto e l’avvio della progettazione che si prevede possa essere approvata entro il 2018. 🔶

Valorizzazione dei turismo ambientale: creazione di situazioni quali mercatali, fiere, convegni per il turismo enogastronomico sui prodotti a filiera corta e tipici.
Realizzazione di un percorso ambientale e culturale che da porta san Niccolò attraverso i giardini delle Rose e dell’Iris conduca a piazzale Michelangelo
La Firenze Greenway è parte di un progetto destinato a alleggerire la pressione nel centro storico attraverso la valorizzazione di un percorso più ampio nel Viale dei Colli e un percorso pù specifico tra Giardino di Boboli, Forte Belvedere, Villa e Giardino Bardini, Museo Bardini. Questo percorso è già attivo parzialmente. Stiamo lavorando a una organizzazione più sistematica coordinando le varie amministrazioni e istituzioni interessate nell’ambito del Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze Patrimonio Mondiale UNESCO.
E’ stato eseguito un primo lotto di interventi di recupero dell’area adiacente il Giardino dell’Iris. Sono in corso lavori di regimazione delle acque all’interno del Giardino delle Rose. In corso di progettazione un secondo lotto di interventi nell’area adiacente il Giardino dell’Iris e alcune opere per l’installazione di orti in cassetta nel giardino di Palazzo Vegni.
Metanizzazioni per il miglioramento della qualità dell’aria: sostituzione del combustibile gasolio con il metano, con l’obiettivo di una riduzione dei consumi, di maggiori rendimenti delle caldaie e di un abbattimento delle emissioni di CO2 in atmosfera Gli interventi di eliminazione delle centrali termiche a gasolio dal territorio comunale sono stati realizzati nell’ambito del più generale del Patto dei Sindaci che prevede la riduzione delle emissioni di CO2 del 20% entro il 2020. Sono stati realizzati i progetti di metanizzazione previsti nella programmazione dell’ente e nell’ambito della convenzione Consip SIE3 . Gli interventi di conversione delle centrali termiche da gasolio a gas metano sono stati i seguenti: Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci per il quale è stata eseguita, oltre alla metanizzazione, la razionalizzazione impiantistica, ovvero la realizzazione di un’unica centrale termica alimentata a gas metano in luogo di quattro centrali pre-esistenti (Biennio, Triennio, Professionale Nuovo, Palazzetto dello Sport), con accorpamento dei relativi impianti (4 impianti); Scuola Materna Villamagna , Scuola Elementare Diaz, Scuola Elementare Villani e Ludoteca Il Castoro, Asilo Nido, Scuola Elementare e Materna Colombo, Centro Accoglienza Santa Lucia, Padri Cappuccini Trespiano.
Ad oggi, rimane una sola centrale termica alimentata a gasolio, ovvero l’ex-Istituto d’arte di via San Brunone, che sarà oggetto di
metanizzazione. E’ stato altresì realizzato l’impianto di climatizzazione estiva ed invernale del Salone dei 200 di Palazzo Vecchio.
Rispetto alle campagne verso i privati promossa la sostituzione delle vecchie caldaie con impianti a metano; nel 2017 si è tenuto
il Convegno Nazionale ” Il Piano di Azione Comunale ( PAC ) 2016-2019 per la qualità dell’aria” con presentazione di dati e azioni messe
in atto ed è stata svolta una campagna informativa per il controllo degli impianti termici nella città,con invio alle famiglie di un
opuscolo informativo insieme al giornale ” Il Reporter “.
Vi è stato uno sviluppo dell’attività dei controlli ispettivi sugli impianti termici (10.500/anno programmati dal contratto di servizio Comunale
con Multiservice s.p.a, su un ” parco” di 160.000 impianti censiti dal Comune di Firenze),al fine verificare la loro sicurezza
ed efficienza energetica e di assicurare la messa a norma/ammodernamento di quelli risultati pericolosi o con gravi anomalie.

Riduzione dei tempi di attesa del SUAP per l’emissione dei provvedimenti autorizzatori, di piena attuazione dei principi dell’autocertificazione, da supportare con maggiore attività di informazione alle imprese ai professionisti ma anche e soprattutto ai soggetti pubblici coinvolti nei procedimenti L’aggiornamento e gli adeguamentio della modulistica fino che non è entrata la modulistica nazionale sono stati impostati sulla minimizzazione delle richieste al cittadino e sulla scelta della segnalazione certificata dell’attività, la dove ci fosse la possibilità normativa, per esempio nell’ambito della pubblicità
Incremento e la razionalizzazione dell’interazione fra tutti i soggetti pubblici e fra uffici diversi nella stessa amministrazione comunale coinvolti dal SUAP per superare definitivamente le criticità sull’incertezza sui tempi dei procedimenti e del succedersi temporale delle diverse fasi Si è lavorato a migliorare l’azione del SUAP favorendo l’interazione fra i soggetti coinvolti. Con l’occasione del programma Interreg europe è stato attivato un progetto specifico PURE COSMOS con la collaborazione dell’Università degli studi di Firenze, dipartimenti di Giurisprudenza e di Geografia, che permette l’incontro, il confronto e l’interazione fra i soggetti diversi che costituiscono il SUAP. Dal mese di Luglio 2017 è stata applicata la Modulistica Nazionale istituita dal Ministro Madia e con l’occasione siamo entrati sulla piattaforma regionale Star.
Valutazione delle esperienze positive di rapporti tra diversi Suap dei comuni della città metropolitana e realizzazione di una struttura che rappresenti una concreta dimostrazione degli effetti innovativi e positivi che la città metropolitana può determinare per le imprese A partire dal 2015 si è lavorato per poter consentire l’avvio del coordinamento Suap della città metropolitana, con l’obiettivo strategico di costruire un modello unico di Suap metropolitano, riferimento per tutte le imprese, i professionisti e le associazioni di categoria che oggi operano sul territorio e vedono nelle differenze procedurali di modulistica e di interpretazione norrmativa ostacoli formali alla semplificazione dei rapporti con la PA.
Nel 2016 la condivisione del lavoro con i Comuni della città metropolitana e l’individuazione dei modelli organizzativi possibili.
🔶
Implementazione nell’attività di gestione suolo pubblico, pubblico spettacolo, servizi pubblici in genere l’utilizzo di procedure di asseverazione, certificazione e omologazione E’ proseguita l’azione di miglioramento delle occupazioni suolo pubblico delle somministrazioni (dehors) del centro storico iniziata nel 2011, tramite il rinnovo delel concessioni. La scelta fondamentale è stata cercare di alleggerire alcune presenze per esempio Piazza Duomo o rendere omogene le concessioni uniformando i modelli in aree che non avevano ancora applicato il modello unico come Piazza del Mercato centrale. La scelta ammnistrativa è sempre stata di garantire l’ambito pubblico, ma semplificare gli adempimenti al cittadino. Là dove non fosse richiesto differentemente da norma si sono scelte procedure di asseverazione ed omologazione. 🔶
Creazione di un unico punto di accesso on line – SUE per informazioni ed atti di edilizia e urbanistica Nel 2014 la pagina web “novità edilizia-urbanistica” è stata evoluta in un articolato sportello informativo unico per l’edilizia http://ediliziaurbanistica.comune.fi.it/edilizia/index.html tale da offrire un servizio di orientamento ed informazione sull’attività edilizia di immediata accessibilità sia per il cittadino che per il professionista che debba eseguire un intervento edilizio.
Nel sito sono raccolti e costantemente implementati i supporti informativi, le specifiche tecniche, le mappe interattive di interesse organizzandoli in modo da supportare l’utente nelle fasi di preliminare approccio all’intervento, di approfondimento progettuale e disciplinare, sino al deposito della pratica edilizia.
I servizi on line, già presenti (pagamenti e consultazione pratiche), sono stati implementati con nuove funzionalità e integrati con:
– agenda per prenotazioni informazioni tecniche
– nuova pagina di consultazione banca-dati pratiche edilizie che estende le tipologie di pratichhe visionabili anche a condoni, piani attuativi e ai cd “articoli 26” garantendo l’accesso ai ai dati della committenza e del progettista e direttore dei lavori tramite accreditamento con credenziali
sol
– i dati numerici costantemente aggiornati sull’attività degli uffici in forma di contatore di attività
Sviluppo della carta dei servizi per edilizia ed urbanistica La Carta dei servizi dello Sportello al pubblico della Direzione Urbanistica è stata adottata nel 2013. Nel 2017 è stata rivista e aggiornata (revisione n.3 del 05.04.2017). Come tutte le Carte dei servizi è pubblicata in rete civica nell’area “Amministrazione trasparente”.
Azzeramento addizionale IRPEF per redditi inferiori a 25.000 euro Azzeramento dell’addizionale IRPEF per i redditi inferiori ai 25.000 euro è stato operativo già dal 2014. Con apposita modifica regolamentare è stata disciplinata l’esenzione per i redditi fino 25.000,00 euro. Di conseguenza dal 2015 gli effetti dell’esenzione hanno trovato la completa rappresentazione di cassa.
Applicazione della TASI soltanto alle abitazioni principali, esenti dal pagamento IMU Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 2015/C/00023 del
30/03/2015, l’Amministrazione ha ritenuto di confermare – come per l’anno 2014 – l’applicazione della TASI (tributo per i servizi indivisibili) solo ad immobili, siti nel proprio territorio, che non sono assoggettati all’IMU. Per gli immobili che già pagano l’IMU, infatti, la TASI è stata azzerata
Definizione di una proposta progettuale per incentivare tramite crediti d’imposta, le aziende che creano posti di lavoro sul territorio comunale Tra le agevolazioni di aliquota IMU approvate con deliberazione del CC nel 2015 quella dello 0,76% relativa agli immobili appartenenti alla categoria catastale D, di nuova costruzione, destinati ad insediamenti produttivi di tipo artigianale, commerciale, industriale o di servizi, direttamente e interamente utilizzati dal soggetto passivo – proprietario o titolare di diritto reale di godimento – per l’avvio di nuove attività imprenditoriali o di unità locali operative che producano nuova occupazione ; quella dello 0,46% per immobili appartenenti a categorie diverse dalla categoria catastale D con stessa destinazione e utilizzo; dette agevolazioni sono state confermate anche negli anni successivi, inoltre con delibera del 2017 sono state introdotte ulteriori agevolazioni IMU per diverse categorie economiche.
Sono state inoltre riconoscciute agevolazioni IMU per immobili appartenenti alle categorie catastali C, D e A/10, direttamente e interamente utilizzati dal proprietario, giovane imprenditore di età inferiore ai 40 anni, o concessi in locazione a quest’ultimo, al fine di effettuare nuova attività di impresa, di lavoro autonomo o di startup in specifiche zone del territorio comunale, individuate con appositi atti dell’Amministrazione Comunale e riconosciute come soggette ad un alto tasso di abbandono di attività economico-commerciale e di degrado.
Per quest’ultimo tipo di agevolazioni la Giunta con proprio provvedimento n.237/2017 ha individuato le strade piazze aventi le caratteristiche specificate nella delibera di consiglio.
Applicazione della imposta di soggiorno anche alla locazione di alloggi per finalità turistiche Il comma 4 dell’art. 2 del regolamento sulla imposta di soggiorno prevede che rientrano nella fattispecie di struttura ricettiva anche gli alloggi ammobiliati locati, o parti di essi, per uso turistico. Nel corso dell’anno 2015 svolta attività di verifica delle locazioni di abitazioni a scopo di turismo e realizzate azioni di sollecito nei confronti dei proprietari/gestori delle unità abitative rilevate e monitoraggio sull’adempimento dichiarativo dettato dal regolamento comunale.
Le locazioni registrate sul portale messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale nel 2015 sono state pari a 1969 con un incremento di ben oltre il 100% rispetto a quelle dichiarate al 31 dicembre 2014

Attivare protocolli di collaborazione con i principali soggetti pubblici e privati di dimensione nazionale e internazionale, con uno sforzo comune, di investimento e di progettazione, per attrarre nuovi investimenti ad alto contenuto tecnologico Il Manifesto per Firenze Digitale è divenuto una realtà quotidiana e si è tradotto in un Piano Triennale Firenze Digitale 2016-2018 con le partecipate fiorentine. I risultati concreti di tale azione ad oggi censibili sono: verifica e attestazione della correttezza di oltre 220.000 numeri civici della banca dati di una società partecipata grazie all’incrocio dei dati con il SIT comunale, la realizzazione di firenzesemplice.it dove via live chat i cittadini possono ottenere informazioni a 360° non solo sui servizi del Comune ma anche su quelli delle partecipate, il “pacchetto Firenze smart” presentato a 400 innovatori provenienti da 20 Paesi internazionali all’evento Major Cities of Europe ospitato a Firenze.
E’ stata effettuata un’analisi per una convenzione con Agenzia delle Entrate per una maggiore razionalizzazione delle risorse dati fra Comune, partecipate fiorentine e l’Agenzia. La proposta è stata inviata all’Agenzia ed è attualmente alla sua valutazione.
Creare i presupposti per sviluppare nuove forme di occupazione per i giovani, di sviluppo di nuovo sapere nella comunità cittadina, di crescita economica e sociale Il tasso di disoccupazione generale a Firenze si attesta al 9,5% (sia 2016 che 2015) ed è nettamente inferiore alla media degli altri grandi comuni (14,5%). Il tasso di occupazione 15-64 anni nel 2016 è al 69,1%, sopra la media dei grandi comuni d’Italia (56,7%), Si tratta di un dato in leggera salita dal 2015 quando era il 66,8%, confermando l’andamento medio generale che vede passare il tasso medio dal 56,4% al 56,7%.
Lo iCity Rate presentato a Milano ad Ottobre 2017 ha visto Firenze unica città in Italia ad avere un tasso di laureati fra 30-34 anni del 43% (cosiddetta “educazione terziaria”).
Il 7 Ottobre Firenze ha ospitato l’Hackathon nazionale Hack.Developers organizzato dal Team per la Trasformazione Digitale con partecipazione di programmatori software del territorio
Ricerca di partnerships a livello nazionale e internazionale per reperire finanziamenti per offrire agli attori cittadini asset digitali e dimensioni più vaste nella realizzazione di progetti e iniziative culturali, imprenditoriali e commerciali L’attenzione si è focalizzata sull’utilizzo delle nuove tecnologie digitali come leva di crescita e sviluppo delle competenze di giovani e professionisti. Si sono formati studenti tramite accordi con Istituti di Istruzione Superiore (Gobetti Volta e Agnoletti), ponendo così le basi per una iniziativa di in/formazione ai professionisti del territorio. Analisi delle potenzialità per lo sviluppo di partnership sulla base dell’implementazione del Manifesto Digitale di Firenze grazie alle opportunità del PON Governance. Exploitation (“sfruttamento”) della piattaforma smart city del progetto Replicate durante il più grande hackthon mai realizzato a livello nazionale promosso dal Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio per lo sviluppo di interfacce verso la piattaforma nazionale di aggregazione dati oltre alla possibile realizzazione di nuovi elementi del sistema operativo del paese.
Supporto alle imprese innovative, per la collaborazione pubblico privata su progetti integrati e per attivare percorsi di trasferimento tecnologico Per lo sviluppo di azioni di promozione e sostegno alle imprese innovative ed alle start up in generale, l’Amministraziona ha ottenuto il finanziamento di un progetto europeo (denominato SPEED UP) attraverso il quale studiare nuove modalità e strumenti per un più efficace intervento pubblico, grazie agli scambi di buone pratiche con altri 8 partner europei. Nello sviluppo del progetto il Comune id Firenze si è fatto promotore della costituzione di una rete pubblico/privata che vede fra i partner Università di Firenze, Scuola Scienze Aziendali e Tecnologie Industriali, Fondazione per la Ricerca e l’innovazione, Nana Bianca e Impact Hub per la creazione di una Firenze sempre più start-up friendly, contribuendo anche al rilancio delle Murate attraverso l’avvio del Murate Idea Park (MIP)
FirenzeWiFi (marchio registrato), non richiede più l’identificazione personale degli utenti, copre i principali spazi cittadini ed è in continua espansione, nelle sedi universitarie, nell’area di Careggi, nel parco delle Cascine, nelle piazze e nelle istituzioni culturali. In ottica metropolitana si estenderà il roaming con le altre reti sul territorio. Dovrà sviluppare la sua natura di rete federata, aprendosi alla collaborazione di altri soggetti, anche privati, che possono realizzare importanti sinergie economiche e di immagine, pur rimanendo negli ambiti di finalità pubblica che le sono propri, veicolando presso gli utenti sia contenuti di interesse pubblico, sia contenuti promossi da soggetti privati In città abbiamo dal 2013 una rete di wifi libera e gratuita. Da allora la rete si è estesa progressivamente, comprese aree come la linea della tramvia, trovando un grandissimo gradimento degli utenti, sia cittadini che turisti. All’estate 2017 abbiamo 450 hotspot wifi del Comune, per un totale di 2000 in città considerando anche quelli degli ospedali Meyer e Careggi e quelli dell’Università.
Firenze è città pilota del nuovo progetto Wifi.italia.it presentato a luglio 2017 a Roma, una nuova app per navigare e ricevere informazioni e contenuti, una sorta di ‘federazione’ di tutte le rete wifi d’Italia
Condivisione del Manifesto Firenze Digitale con gli stakeholders e attuazione Protocolli di collaborazione Dalla seconda metà del 2014 si sono concretizzate le prime azioni previste dal Manifesto Firenze Digitale. Nel 2015 tra le azioni previste nel Manifesto per Firenze digitale l’avviso e l’accordo di collaborazione per il Museo 900, l’avviso e lo schema di accordo per la sperimentazione di sistemi di pagamento, avviso e lo schema di accordo per i sondaggi di opinione in tempo reale sulla città.
Nel primo semestre 2017 si sono raggiunti i seguenti risultati per il Piano Firenze Digitale: attivazione punto Firenze Semplice presso Camera di Commercio con FirenzeWifi, scambio dati e OpenData farmacie di turno con AFAM, sistematizzazione scambio dati camerali da Regione, Camera di COmmercio verso il Comune, mappatura esigenze scambio dati con Agenzia entrate delle utilities, mappatura agevolazioni tariffarie dei cittadini per servizi proattivi alla cittadinanza, incontri di condivisione azioni di comunicazione fra le utilities, mappatura delle scadenze dei servizi delle utilities in Firenze Semplice a regime.
Evento internazionale nel 2015 in ambito Major Cities of Europe sull’innovazione tecnologica e le smart cities Nell’ottica di intensificare la ricerca di partnership a livello europeo nei progetti di innovazione tecnologica, sia per reperire finanziamenti sia per offrire agli attori cittadini dimensioni internazionali nella realizzazione di progetti e iniziative Firenze è stata città ospite dell’evento annuale Major Cities of Europe lo scorso giugno 2016, che ha portato a Firenze 400 innovatori provenienti da 20 Paesi (da Tel Aviv, a Boston, a Copenhagen, Amburgo, Vienna, etc), e in cui la città ha mostrato i propri processi di innovazione e le soluzioni che i cittadini fiorentini possono già usare ogni giorno in città
Supporto all’innovazione nei servizi per l’imprenditoria giovanile. Dotazioni di rete a banda larga e wifi dei contenitori recuperati ad attività produttive. Supporto tecnologico e di comunicazione all’attivazione di spazi e strumenti di coworking. Supporto all’innovazione nella scuola: sviluppo applicazioni mobile, diffusione reti (FI net e FirenzeWiFi), servizi online. Su online:
– servizio online depositi legge 10: dal 1° giugno 2017 il deposito delle pratiche impianti avviene in modalità online obbligatoria.
All’11 Settembre 2017 erano pervenuti tramite il portale il 97-98% dei depositi
– servizio online iscrizione asili nido: è proceduta anche nel 2017 la promozione della modalità “full-digital” per i servizi online di area nidi e scuole infanzia, ottenendo nel 2017 un 97,99% di pratiche effettuate online per le iscrizioni ai nidi e centri gioco, un 95,37% delle stesse iscrizioni fuori termine, un 94,15% delle conferma orario frequenza servizi educativi.