Firenze
  • Sociale
  • Opportunità

Una città

per tutti

17

Totale azioni previste

0

Realizzate

7  Molto importanti

6  Importanti

1  Meno importanti

0

in corso

1  Molto importanti

0  Importanti

0  Meno importanti

0

non realizzate

1  Molto importanti

0  Importanti

1  Meno importanti

Una comunità che include.

Dignità, tutela e inclusione sono state le parole chiave che hanno guidato l’azione amministrativa in ambito sociale, attuata nella missione di bilancio “Diritti sociali, politiche sociali e famiglia”.

0 milioni €
per il nuovo Piano Casa

casa

inclusione

Tra i principali ambiti di intervento c’è stata la casa: con gli interventi regolati nel nuovo Piano Casa l’amministrazione intende consegnare 1000 alloggi alle famiglie che ne hanno diritto e bisogno, con un investimento complessivo di 56 milioni.

Piano Casa

Il Piano Casa comprende sia il patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) sia le altre ipotesi di abitare sociale, tra le quali assumono grande rilievo l’housing sociale, il co-housing, gli alloggi volano e gli alloggi di transizione.

Nuovi spazi

Per le altre forme di abitare sociale, le principali azioni dell’Amministrazione si sono indirizzate nell’individuare nuovi spazi di proprietà comunale da destinare a tali diverse modalità abitative, in particolare all’interno dell’ex Caserma Lupi di Toscana (Q4) e nel prestigioso complesso di Santa Maria Novella (Ex Scuola Carabinieri). Sono inoltre state attivate le procedure per fronteggiare l’emergenza abitativa, attraverso la soluzione degli alloggi di transizione.

Ufficio Mediazione Sociale

Attivato nel 2018 a seguito del Protocollo di Intesa stipulato tra il Comune, Casa SpA e Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative quale strumento per affrontare positivamente le problematiche di integrazione e coesione sociale all’interno degli edifici ERP

Casa dei babbi

Inaugurata in Piazza Santo Spirito: la prima struttura in città per i padri soli, che molto spesso dopo la separazione o il divorzio dalla moglie si trovano a dover fronteggiare difficoltà economiche e abitative

Legalità

La Direzione Servizi Sociali si è impegnata fortemente insieme alle forze dell’ordine nelle operazioni di legalità sugli immobili occupati abusivamente (descritte nell’indirizzo Una città vivibile), garantendo l’erogazione di servizi di accoglienza temporanea e la presa in carico di soggetti fragili.

2 Assi specifici del PON Metro (2014-2020)

Asse 3 Servizi per l’inclusione sociale (9.830.384 €) che ha finanziato:

◦ L’Agenzia sociale per la casa;

◦ Il progetto F.A.S.E. (Firenze: abitare solidale per l’empowerment di comunità), servizio di accompagnamento e sostegno all’abitare;

◦ Progetto S.A.T. – Contributi economici di sostegno all’abitare;

◦ Progetto S.A.T. Servizi socio-abitativi temporanei di “seconda soglia” a bassa intensità assistenziale.

Asse 4 Infrastrutture per l’inclusione sociale (5.534.529 €) per i progetti:

◦ Immobile ex Meyer: risanamento conservativo edilizio per servizio di gestione emergenza abitativa;

◦ Progetto Smart liveability.

0
Appartamenti di proprietà del Comune per il social housing
0
Assegnazioni alloggi ERP da inizio mandato.
Di cui 303 nell'ambito della graduatoria generale, 288 in utilizzo temporaneo, 121 per mobilità e 196 per altri motivi
0
Alloggi patrimonio comunale ERP
(dati al 31/12/18)
1,4 milioni €
Contributo affitti aggiuntivi stanziati nel 2018 portando il finanziamento complessivo da bilancio comunale a 2.134.923,16 € (a cui vanno aggiunti 201.110,80 € di contributi regionale)

Il trend delle persone prese in carico dai servizi di assistenza sociale è in aumento: questo segnala un aumento dell’investimento sulla spesa sociale e della capacità di presa in carico da un lato, ma un aumento della domanda dall’altro.

16.656

2015

17540

2016

17500

2017

16.495

2018

18.241

Utenti in carico alla direzione servizi sociali da sistema Sinns

anziani

Sperimentazioni e servizi per una sempre maggiore autonomia.

Leggere
Avviata la sperimentazione di RSA “leggere”: moduli a bassa intensità assistenziale (B.I.A.).
Assistenza domiciliare condivisa
Condomini protetti per anziani autosufficienti: avviato il progetto ‘Assistenza domiciliare condivisa’ denominato “Co-care” e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.
Soli Mai
Programma "Soli Mai": sviluppata una rete di associazioni di volontariato che settimanalmente per alcune ore offrono volontari formati per fare compagnia all’anziano che ha chiesto aiuto. Bonus straordinario erogato a 500 anziani non autosufficienti (2018).
Vacanze anziani
Circa 660 i partecipanti (2018).
Centri dell’età libera
26 centri con 6.000 iscritti.
Orti sociali
875 dislocati nei vari quartieri, di cui 800 assegnati agli anziani.
  • disabili

Disabili assistiti

2014

1600

2015

1558

2016

1851

2017

1758

2018

2069

 N. interventi di avvio al lavoroN. disabili che usufruiscono di progetti personalizzati integrati (adulti)
2014450n.d.
2015400671
2016270360
2017300650
2018400750

Risposte concrete alle esigenze di autonomia

Sulla disabilità sono stati avviati i progetti abitativi assistiti, in collaborazione con la Società della Salute, alcuni legati al “Dopo di Noi”, al fine di dare una risposta concreta ai bisogni e alla necessità di autonomia delle persone con disabilità, soprattutto dopo la perdita dei propri cari.
E’ stato inoltre profuso particolare impegno nell’azione di abbattimento delle barriere architettoniche e assicurato un servizio taxi per diversamente abili su chiamata e non più su prenotazione (7 vetture disponibili).

famiglie

Misure mirate, a difesa dei più deboli

Sul fronte dei minori il Servizio offerto dal Centro Affidi del Comune promosso da un’intensa e multicanale campagna di comunicazione con l’istituzione del mese dell’affido familiare (ottobre) volta a incrementare la banca dati delle  famiglie/persone single disponibili e a incrementare i progetti di affidamento.


Misure di contrasto alla povertà: il Reddito di Inclusione ha sostituito la vecchia carta acquisti e la SIA. Quasi 2000 le domande istruite, di cui 1000 già conosciuti dal Servizio Sociale professionale; più di 800 progetti personalizzati sottoscritti.

Pasti annui erogati (stima)
2014 2015 2016 2017 2018
43.800 43.800 43.800 45.625 45.625
Minori assistiti
2014 2015 2016 2017 2018
2.800 n.d. 3.036 2.905 2.522

N. adozioni

20142015201620172018
104 211251338

 

N. affidi

20142015201620172018
55 6956273

  • Approvazione del nuovo “Regolamento per l’esercizio del gioco lecito” al fine di limitare le nuove aperture di sale slot
  • Ordinanza limitativa degli orari di funzionamento delle slot nei pubblici esercizi e delle sale slot
  • Nel nuovo “Regolamento unico per le attività commerciali”, si introducono dei requisiti per avere delle attività commerciali sempre più accoglienti per le famiglie (obbligo di fasciatoi in locali superiori ai 200 mq), cardioprotetti (obbligo del defibrillatore in locali superiori ai 300 mq) e sostenibili (obbligo di dotarsi di raccoglitori di colore diverso per la raccolta differenziata)

Riguardo le iniziative a favore delle vittime di violenza, maltrattamento e abuso, vengono effettuati dal Servizio Sociale Professionale del Comune di Firenze interventi a favore di donne sole o con figli vittime di maltrattamenti, di persecuzioni, di stupro e di molestie sessuali, tramite progetti personalizzati a favore delle vittime, garantendo percorsi di accoglienza, protezione, consulenza e sostegno.

  • integrazione

Una città inclusiva

Lo Sportello comunale per l’immigrazione “SUCI” è un esempio di eccellenza nazionale, che garantisce supporto agli immigrati attraverso azioni di informazione e orientamento.

0
Profughi accolti dal 2014
0
Minori stranieri non accompagnati assistiti nel 2018
Utenti sportello unico immigrazione
20142015201620172018
20.00032.00034.00037.50035.000    
Rifugiati e richiedenti asilo
2014 2015 2016 2017 2018
98,6%
(220/223)
90% 90%
(155/172)
93,02%
(160/172)
90   

Tasso di occupazione delle strutture
Media mensile posti occupati/Media mensile posti disponibili

Servizio informativo “Inside Osmannoro” per la comunità cinese

Convenzioni con il Terzo Settore

Per la ricerca di posti presso strutture residenziali e semiresidenziali a favore di utenti in stato di disagio ed emarginazione sociale.

Senza fissa dimora

A regime il sistema di acquisizione della residenza virtuale.

Creato lo Sportello Residenze Virtuali presso il Centro La Fenice all’Albergo Popolare. Attivato lo sportello Help Center presso la stazione S. M. Novella (2016).

Emergenza freddo: oltre 500 senza fissa dimora accolti dal 1/12/16 al 31/03/17 nelle strutture messe a disposizione dall’amministrazione comunale e gestito da Caritas, alla quale si sono aggiunte nei mesi di maggiore freddo la Misericordia di Firenze e la Comunità di Sant’Egidio e dal 2018 la Palazzina dell’Orologio.

Superamento del campo del Poderaccio

In particolare nel mese di luglio 2018, si è insediata, come previsto dalla Deliberazione di Giunta comunale n. 302 del 25.06.2018, la Cabina di Regia avente il compito di definire e realizzare un programma operativo finalizzato al superamento del campo, nel rispetto del principio di uguaglianza e parità di trattamento dei cittadini in condizioni di disagio, con soluzioni coerenti con gli ordinari strumenti di gestione della marginalità.

Conseguentemente, nel corso del 2018, è stata svolta l’attività finalizzata all’individuazione delle soluzioni per consentire la fuoriuscita dei primi nuclei dal campo Rom. Le attività intraprese hanno portato alla demolizione di ulteriori casette per un totale di n. 31 casette abbattute dall’inizio del mandato e azioni integrate di accompagnamento che hanno portato i residenti da 400 a 237, di cui 93 minori.

Progetto P.O.L.I.S 2.0

Progetto di orientamento al lavoro e all’inclusione sociale: percorsi multidimensionali per l’inclusione attiva.

Impatto su

Le azioni di questo indirizzo hanno avuto impatto sui seguenti ambiti tematici

# economia

0%

# ambiente

6%

# sicurezza

0%

# mobilità

6%

# servizi

100%

Vuoi saperne di più?

Obiettivo precedente

Una città sostenibile

Obiettivo successivo

Una città attiva