Firenze
  • Verde
  • Salute

Una città

sostenibile

12

Totale azioni previste

0

Realizzate

2  Molto importanti

3  Importanti

3  Meno importanti

0

in corso

1  Molto importanti

2  Importanti

0  Meno importanti

0

non realizzate

0  Molto importanti

1  Importanti

0  Meno importanti

Dare respiro alla città.

Alberi, verde pubblico e gestione efficiente dei rifiuti, qualità dell'aria, risparmio energetico per vivere meglio e rendere la città più sostenibile.

0

alberi piantati
su 10.000 dell'obiettivo di mandato

Nel 2017 il Comune ha aderito all’iniziativa Covenant of Mayors for Climate & Energy (il nuovo Patto europeo dei Sindaci per l’energia e il clima) rafforzando l’impegno ad affrontare le sfide relative al cambiamento climatico e implementando le azioni green contenute nei piani d’azione già approvati, tra cui il Paes (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile), il Secap (Piano d’azione per l’Energia Sostenibile e il Clima) e il Piano per la Qualità dell’Aria 2016/19.

47,7 milioni €

investimento totale

  • alberi

I cambiamenti climatici sfidano l’uomo tanto nelle campagne quanto nelle città. Con i piani:

Onda Verde
e Piano di Sostituzione e Incremento delle Alberature

l’amministrazione si è dedicata a un importante impegno di ripiantumazione, suggellato dalla “Festa dell’albero”, ricorrenza che coinvolge scuole in tutti i quartieri.

  • verdepubblico
0
interventi di manutenzione del verde

20,69 mq

Area verde per abitante

Cura e manutenzione per gli spazi verdi

Numerosi gli interventi di riqualificazione del verde pubblico, sistemazione dei giardini, delle aree verdi e delle piazze in tutti i Quartieri.

Quartiere 1 il giardino di Borgo Allegri, il giardino del Bobolino, il giardino di Carraia, il giardino di Ponte alle Mosse, il giardino di via Maragliano, i boschetti del Lapi e del Tivoli, le piazze Santa Maria Novella, D’Azeglio, Santo Spirito, San Marco, Stazione e dei Ciompi.

Quartiere 2 il giardino di via del Guarlone – via Ottokar, il giardino di lungarno Aldo Moro, il giardino di via Novelli, le nuove aree giochi al Campo di Marte, piazza della Libertà.

Quartiere 3 il giardino di via del Gelsomino, la sistemazione di quello dell’Iris, il parco di Viale Tanini, il parco Anconella-Albereta, Piazza Elia Dalla Costa.

Quartiere 4 il giardino di via Torcicoda, il parco di Ugnano, il giardino di lungarno S. Rosa, il parco di Villa Vogel e quello di Villa Strozzi.

Quartiere 5 il nuovo giardino nell’area dell’ex Meccanotessile, il giardino del Lippi, le aree verdi di via Toscanini, via Respighi e via Tedesco, il parco Stibbert, il parco di via Dazzi, le piazze Tanucci e Giorgini. Mentre sono in corso i lavori del parco del Mensola e alle Piagge-Brozzi (Effetto Città).

Il Parco delle Cascine

è stato dotato di una nuova pavimentazione della viabilità interna, di un impianto di illuminazione all’avanguardia, di 23 telecamere e di hot spot per il wi-fi libero.

Le aree dedicate ai cani

sono state riqualificate: in piazza Dalla Costa, in via Toscanini, in via Castelnuovo Tedesco ed è in fase di realizzazione una nuova area in via Alderotti e in progettazione in piazza D’Azeglio

  • rifiuti

Sempre più differenziati

Per quanto riguarda il ciclo dei rifiuti, in collaborazione con Alia Servizi Ambientali Spa (dal 1.3.2017 nuovo gestore del servizio integrato dei rifiuti per ATO Toscana Centro), la percentuale di raccolta differenziata è arrivata al 54% nel 2018. E’ stato portato avanti un piano per la sostituzione di tutti i vecchi cassonetti nell’intera città e per l’installazione di postazioni interrate, in particolare nel centro storico dove 620 cassonetti sono stati sostituiti da isole ecologiche interrate. Sostituiti e rinnovati i vecchi cassonetti nelle aree periferiche: l’ultima è stata Novoli (Q5) (2017) con 630 contenitori rimossi, 128 nuove postazioni per 665 nuovi contenitori up loader.

Raccolta differenziata

0%
2014
0%
2018
  • fiumi

La sicurezza inizia con la manutenzione

La sicurezza idraulica è stata un altro tema di attenzione  con una serie di interventi di manutenzione, anche tramite il Consorzio di Bonifica Medio Valdarno , sulle sponde dell’Arno, del Mugnone, del Mensola , del Terzolle e sui canali Goricina, Macinante e sulle gore Martellina e Gualchiere di Remole.

  • energia

Più luce meno consumi

Il progetto Firenze Cambia Luce prevede la sostituzione dei vecchi corpi illuminanti a vapori di sodio e mercurio con 30.000 nuove luci a led, con la riduzione del 40% del consumo energetico e conseguente diminuzione delle emissioni di CO2.

  • aria

Qualità monitorata

Sul fronte della qualità dell’aria l’impegno è stato concentrato, tramite l’adesione alla convenzione SIE3, alla sostituzione di tutte le centrali a gasolio: al 31.12.2018  rimane una sola centrale termica alimentata a gasolio, ovvero l’ex-Istituto d’arte di via San Brunone.

  • Campagne informative verso i privati per promuovere la sostituzione delle vecchie caldaie con impianti a metano (2017);
  • controlli ispettivi sugli impianti termici (nel biennio 2017/18 effettuati 17.863 controlli su un parco dati del catasto impianti pari a n. 158.947 unità censiti dal Comune. A seguito dei controlli l’adeguamento degli impianti pericolosi è stato di 130 unità).

Impatto su

Le azioni di questo indirizzo hanno avuto impatto sui seguenti ambiti tematici

# economia

17%

# ambiente

83%

# sicurezza

25%

# mobilità

8%

# servizi

25%

Vuoi saperne di più?

Obiettivo precedente

Una città più vicina

Obiettivo successivo

Una città per tutti